La Virtus Bologna fa sul serio: i felsinei vogliono tornare grandi

La formazione di Sacripanti ha iniziato benissimo e punta ad un'annata al vertice
22.10.2018 21:08 di Fabio Cavagnera Twitter:   articolo letto 248 volte
La Virtus Bologna fa sul serio: i felsinei vogliono tornare grandi

Tra le note positive di questo inizio di stagione c’è sicuramente la Virtus Bologna. La società felsinea ha rinnovato moltissimo durante l’estate, dopo la deludente passata stagione, cambiando lo staff tecnico (da Ramagli a Sacripanti), così come molti dei protagonisti sul parquet. I bianconeri sembrano aver trovato il mix giusto per riaffacciarsi all’alto livello in Italia e per ben figurare in Europa, per poi provare negli anni successivi a diventare davvero una contender per lo scudetto, con il sogno di riaffacciarsi anche nella massima competizione continentale.

La doppia vittoria in trasferta, entrambe arrivate in rimonta con l’ultima sul difficile campo di Avellino, la sconfitta solo in volata contro i tricolori di Milano ed il bis in Champions League sono il biglietto da visita presentato dalla Segafredo in queste prime settimane della stagione, riportando grande entusiasmo nella storica piazza bolognese e regalando una solidità di squadra, assente da un po’ di tempo a queste latitudini. Sacripanti sta facendo un lavoro di qualità, come è quasi sempre riuscito a fare nelle squadre da lui allenate nel corso della carriera.

La leadership di Kevin Punter (uno dei possibili candidati a diventare MVP del campionato), l’estro di Tony Taylor, la solidità della coppia Qvale-Kravic vicino a canestro e l’apporto degli italiani, da Pietro Aradori a Filippo Baldi Rossi. Una buona squadra, anche abbastanza profonda, nata con l’idea di centrare i playoff e di superare almeno il primo turno di Champions League. Due obiettivi sicuramente alla portata delle ‘V Nere’, anche se ovviamente siamo appena ad ottobre e serviranno tante altre conferme nel corso della stagione. Ma come si dice, chi ben comincia…