Sogno sfiorato per Venezia: non basta il +18 sul Nizhny Novgorod

La Reyer va vicinissima alla rimonta, ma termina la sua Champions League.
12.03.2019 22:47 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:   articolo letto 279 volte
Sogno sfiorato per Venezia: non basta il +18 sul Nizhny Novgorod

Rimonta sfiorata per la Reyer Venezia, che si ferma a soli 5 punti dal recuperare il -23 dell’andata contro il Nizhny Novgorod: la Champions League dei lagunari si chiude agli ottavi di finale, passano i russi nonostante l’84-66 finale.

L’Umana lotta per 40’ praticamente sempre condotti, ma i 23 punti sono soltanto avvicinati: Venezia paga carissimo un brutto 7/25 da 3 (soprattutto con il 2/10 di Bramos) e soprattutto ben 9 errori dalla lunetta, vanificando un netto dominio a rimbalzo e i tanti errori dei russi, soprattutto nel finale. Sugli scudi Tonut (26) e Watt (15+11), gli ultimi a mollare, mentre nel Nizhny Dragicevic (21 con 11/12 ai liberi) rimedia alla pessima prova di Perry (8 punti con 1/9 al tiro).

La Reyer stenta a prendere le misure, ma spinta dall’energia del Taliercio tocca il +9 sulla fine del primo quarto. I russi però non si disuniscono, e rispondono colpo su colpo riducendo il margine. A ogni tentativo di allungo della squadra di De Raffaele il Nizhny risponde a tono, nonostante percentuali al tiro non esaltanti. Da metà terzo quarto Venezia trova più continuità, issandosi fino al +13 grazie a un super Tonut

Watt accende il Taliercio col canestro del +16 a 100” dal termine, replicando col +18 poco dopo. È finale in volata, con Venezia che sbaglia la tripla del +21 (o -2). Uzinskii dalla lunetta gela il pubblico, ma un 2/2 di Daye riporta a 5 i punti da recuperare sul doppio confronto con appena 29” sul cronometro, ma i russi non sbagliano ai tiri liberi e non concedono chances di rimonta. Sul +18 a 20” Daye sbaglia la tripla della speranza, segnando la parola fine sul +18 finale.

Venezia: Haynes 3, Stone 3, Bramos 10, Daye 11, De Nicolao 10, Vidmar 4, Biligha 2, Giuri, Mazzola, Cerella, Watt 15. Coach: De Raffaele
Nizhny: Komolov 4, Astapkovich 5, Zhbanov, Uzinskii 3, Dragicevic 21, Strebkov 5, Toropov, Gerasimov ne, Hummer 8, Czerapowicz, Baburin 11, Perry 8. Coach: Lukic.
Parziali quarti: 19-12, 18-19, 23-19, 24-16