In Gara 1 solo Malaga è corsara, Unics sul velluto. Ok Asvel e Valencia

Le Gare 1 dei playoff di Eurocup.
06.03.2019 13:10 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:    Vedi letture
In Gara 1 solo Malaga è corsara, Unics sul velluto. Ok Asvel e Valencia

UNICS Kazan - Lokomotiv Kuban 86-66
Dura 20’ il primo atto del derby russo tra Kazan e Kuban, con l’Unics che emerge con forza in un terzo quarto dominato (e spezzato con un break di 11-0), sfruttando al meglio la grande vena realizzativa di Errick McCollum (32 punti con 15/15 ai liberi). Gli ospiti non riescono a recuperare il -16 del 30’, chiudendo con una sconfitta pesante in cui si salvano solo Kulagin e l’ex Cantù Johnson.
Kazan: McCollum 32, Henry 18 (9 assist), Morgan 10
Kuban: Kulagin 17, Johnson 16

ALBA Berlino - Unicaja Malaga 90-91
L’unico fattore campo a saltare è quello dell’ALBA Berlino, che cede a Malaga un match condotto per larghi tratti e venerdì dovrà giocare in Andalusia per allungare la serie e riportarla in Germania. I tedeschi volano nel primo tempo: un break di 12-0 spacca la partita nel primo quarto, portando i padroni di casa a +14, con i berlinesi che toccano anche il +21 sul finire del primo tempo. Malaga però rientra nel terzo periodo (in particolare con un 15-0 a metà quarto) rendendo la sfida un match in volata: a decidere è il tap-in di Lessort a 3” dalla sirena.
Berlino: Siva 14, Giffey 13, Hermannsson 13 (10 assist)
Malaga: Lessort 18, Waczynski 17, Milosavljevic 10

ASVEL Villeurbanne - Morabanc Andorra 79-75
L’Andorra di Michele Vitali (12 punti con 3/5 al tiro in 23’) sogna a lungo il colpo in Gara 1 in Francia, arrivando a condurre anche di 10 a inizio ripresa, ma l’ASVEL fa sua Gara 1 di una serie che potrebbe essere storica per entrambe le compagini. Proprio dopo il massimo vantaggio andorrano i francesi piazzano un parziale di 13-0 che vale un vantaggio poi mantenuto per praticamente tutto il resto dell’incontro: il canestro della staffa è quello della vecchia conoscenza del nostro basket (ex Cantù, Cremona, Trento e Sassari) David Lighty.
ASVEL: Kahudi 21, Slaughter 15, Lighty 13
Andorra: Diagne 16+8, Vitali 12, Albicy e Shurna 11

Valencia - Rytas Vilnius 75-64
Non basta al Rytas Vilnius una prova coraggiosa per 30’ per spezzare la striscia di vittorie di Valencia e compiere l’upset: gli spagnoli inseguono per praticamente tutto il primo tempo, ed è solo nell’ultimo quarto che spezzano definitivamente la resistenza lituana, quando un parziale di 10-0 vale il +21 e la chiusura definitiva di Gara 1. La chiave è l’attacco: dopo solo 26 punti nel primo tempo i padroni di casa ne segnano 49 nella ripresa, riuscendo a trovare la chiave per scardinare la difesa della squadra di Adomaitis.
Valencia: Thomas 15, Doonerkamp, San Emeterio e Abalde 10
Rytas: Seeley e Sirvydis 11, Parakhouski e Girdziunas 10