Trento e Sassari, trasferte vittoriose! Venezia bene a Belgrado

I Risultati delle italiane impegnate in Europa: finali sontuosi per l'Aquila ed i Giganti, i campioni d'Italia comodi in casa del Partizan
05.11.2019 22:00 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
Trento e Sassari, trasferte vittoriose! Venezia bene a Belgrado

Galatasaray Doga Sigorta Istanbul - Dolomiti Energia Trento 76-81
Con un quarto quarto d'autore l'Aquila sbanca il bosforo e rilancia le sue ambizioni in ottica qualificazione, piegando la capolista del girone. Nonostante la difesa non eccelsa, il 38% da 3 è sufficiente per piegare i turchi, grazie anche ai 19 di Toto Forray. 16 di questi arrivano tutti nella frazione finale, con l'italo argentino scatenato nel crunch time. Prima, la firma sul 10-0 per portare Trento avanti per la prima volta nella gara; poi, la tripla con fallo aggiuntivo che chiude definitivamente i conti. Terza vittoria per la Dolomiti, che si porta così ad una sola gara di distanza dal Galatasaray, a cui non bastano i 18 di Harrison. 

Partizan NIS Belgrado - Umana Reyer Venezia 69-83
Quarta vittoria europea per i campioni d'Italia, che accorciano proprio sul Partizan, sconfitto per la prima volta in Europa quest'anno, per la lotta per il primo posto. Decisivo il terzo quarto: dopo un buon inizio, il Partizan si porta avanti intorno all'intervallo, ma in 10 minuti i serbi segnano soltanto a cronometro fermo, per il 9-25 che indirizza la partita. L'ultimo quarto non cambia l'inerzia, e si conclude con la vittoria dei granata. MVP indiscusso Mitchell Watt, con 27 punti in 31 minuti vero incubo dei padroni di casa, che rispondono con i soli 18 di Rashawn Thomas

Polski Cukier Torun - Dinamo Sassari 95-113
Ad i polacchi non bastano i 30 punti dell'ex Trieste Chris Wright: Sassari dilaga nel quarto quarto e si prende la terza vittoria su quattro in Europa. La partita viaggia in equilibrio, con fiammate da entrambe le parti (il Torun rientra in partita dopo il 9-0 di Sassari nel primo quarto) fino al trentesimo minuto. Un 12-0 tra fine terzo quarto ed inizio del quarto da lo scossone definitivo al match, col parziale che si amplia sempre di più fino al +25 di massimo vantaggio. 29 di Dwyane Evans e 22 di Marco Spissu (con 34 di valutazione) per i sardi.