Il derby greco va al Panathinaikos, il Barça c'è, rimonta Fenerbahce

Cosa è accaduto nella sesta giornata di Eurolega
09.11.2018 23:16 di Fabio Cavagnera Twitter:   articolo letto 313 volte
Il derby greco va al Panathinaikos, il Barça c'è, rimonta Fenerbahce

Panathinaikos Atene-Olympiacos Pireo 93-80
La partita più attesa della settimana era sicuramente il derby ateniese, che ha visto la festa dei 'verdi' di Pascual. Dopo un primo tempo comandato dagli ospiti, il Pana ha ribaltato il confronto nella prima parte del terzo periodo, recuperando lo svantaggio e scappando a +10, con le giocate di Antetokoumpo. L'Olympiacos si riavvicina con Printezis e Miliutinov, ma due triple di Lekavicius respingono l'assalto e fanno esultare Oaka. Il lituano è il miglior marcatore con 17 punti, con altri quattro compagni in doppia cifra, dall'altra parte giornata no per Spanoulis (2/9 al tiro).

Khimki Mosca-Barcellona 80-87
Il Barcellona quest'anno è una squadra da playoff e lo conferma, andando a vincere sul campo di una possibile diretta concorrente, sprofondata però ad 1-5 e già in gravissima difficoltà. Primo tempo molto equilibrato, con continui botta e risposta, poi i catalani scappano nel terzo periodo avvicinando la doppia cifra di vantaggio. La rimonta russa viene fermata dalle giocate di Heurtel e Crocker e per il Barça è il quarto successo di fila. Il francese chiude a quota 18, al Khimki non bastano i soliti 27 di Shved.

Buducnost Podgorica-Zalgiris Kaunas 60-72
La squadra montenegrina continua a restare inchiodata a zero punti in classifica e viene battuta a domicilio anche dallo Zalgiris, che spacca in due la partita nel terzo periodo e poi controlla sino alla sirena finale, pur non giocando una partita particolarmente brillante. La vittoria a rimbalzo ed i 20 punti di Davies sono le chiavi del successo lituano. 

Baskonia Vitoria-Fenerbahce Istanbul 72-74
Rimonta vincente per i vicecampioni d'Europa, sul campo dove si giocheranno le prossime Final Four. Gli spagnoli scappano a +7, nel finale di terzo quarto, con due triple di Garino e sono ancora avanti a metà del quarto periodo, prima di subire il ritorno dei turchi, per un finale in volata. I liberi di Kalinic portano avanti il Fener a 36" dalla fine, Shengelia sbaglia due volte la tripla ed due tiri dalla lunetta di Datome chiudono la contesa, compreso un antisportivo a Janning. Per l'azzurro 15 punti (6/7 dal campo), mentre Melli chiude con 6 punti e 3 rimbalzi. 

LE PARTITE DI IERI

Oltre alla sconfitta in volata di Milano con il Cska, le altre partite di giovedì hanno visto il dominio di Real Madrid e Bayern Monaco. I campioni d’Europa in carica hanno travolto il Maccabi Tel Aviv a domicilio, piazzando il parziale decisivo nel secondo periodo, volando a +20, per non essere più riavvicinati pericolosamente. Il 15/31 da 3 punisce gli israeliani, con 17 di Llull e 16 di Carroll. Ancor più netta la vittoria dei bavaresi sul Darussafaka, travolto sotto 46 punti di scarto: non c’è mai partita, cinque uomini in doppia cifra per i tedeschi (Booker 18).

Molto equilibrio, invece, nel successo in rimonta dell’Efes sul campo del Gran Canaria. I padroni di casa sono avanti in doppia cifra a metà del quarto periodo, ma subiscono il poderoso ritorno della formazione turca, guidato da un Simon da 18 punti e dalla doppia doppia di Dunston (12 e 11 rimbalzi). Gli spagnoli, con un solo successo su cinque gare, hanno 19 punti da Strawberry. Ma vedono già allontanarsi le zone alte della classifica.