La resurrezione di Baskonia e Zalgiris: CSKA e Fenerbahce ko

Sorpresa in gara 2: vittorie importantissime per baschi e lituani, che pareggiano i conti.
18.04.2019 22:07 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:    Vedi letture
La resurrezione di Baskonia e Zalgiris: CSKA e Fenerbahce ko

CSKA Mosca - Kirolbet Baskonia 68-78
In una serata speciale di Eurolega, il primo colpo grosso è quello del Baskonia, che gioca una partita tutto cuore e grinta a Mosca conquistando la sua prima vittoria in casa del CSKA dal 2002 e fermando a quota 21 la striscia di vittorie consecutive ai playoff in casa della squadra di Itoudis. La vittoria è frutto di un autentico dominio da parte della squadra di Perasovic, che parte subito 8-2 con Shields e Garino sugli scudi, e conduce per pressoché tutti i 40’ a eccezione del primo canestro dei padroni di casa. La partita sembra cambiare quando il Baskonia, avanti di 14 al 13’ (34-20) subisce un 11-0 di parziale che riporta sotto il CSKA, ma Vildoza e Poirier non tremano e i baschi chiudono avanti di 5 il primo tempo. Nel terzo quarto litania simile: i russi arrivano a -3, ma il Baskonia reagisce con un parziale da 14-2 che vale il massimo vantaggio sul +15, e stavolta è Hilliard a prendersi il palcoscenico con due triple fondamentali. Il CSKA non riesce a portarsi sotto i tre possessi di distanza, e Poirier la chiude rinviando la serie in terra basca per Gara 3 e 4 la prossima settimana.
CSKA: Higgins 15, Clyburn e Rodriguez 14
Baskonia: Hilliard 16, Shields 15, Poirier 14+15, Garino 11

Fenerbahce Istanbul - Zalgiris Kaunas 80-82
Grande vittoria per lo Zalgiris di Jasikevicius, che ribalta il pesante -42 di martedì e sbanca la Ulker Hall per la prima volta in Europa dopo 18 vittorie consecutive del Fenerbahce, che adesso dovrà sbancare il caldo campo di Kaunas per riprendersi il fattore campo. I turchi erano partiti bene, già a +7 dopo 10’, ma lo Zalgiris risponde colpo su colpo (primo vantaggio grazie a un break di 12-2 dal massimo vantaggio dei padroni di casa) e al 10’ ha già quasi la metà dei punti segnati di 48 ore prima. Quota 43 viene superata prima dell’intervallo, con lo Zalgiris che spezza la partita con un parziale di 12-4 volando a +8 (dopo 20’ è 46-39 per gli ospiti), e il vantaggio nel terzo quarto diventa addirittura di 17 punti con un Ulanovas incontenibile. Al 30’ è +15 ospite, ma qualcosa si inceppa: lo Zalgiris non segna dal campo per quasi 7’ e il Fenerbahce si riporta a -6 con la terza tripla di serata di Guduric. È Ulanovas, ancora, a spezzare la maledizione ma i padroni di casa non si fermano e Vesely schiaccia il -3 a 1’46” dalla fine, per poi pareggiare con Datome a 39” dalla sirena. Sul possesso successivo, lo Zalgiris va con Davies che però sbaglia, ma a correggere ci pensa l’incontenibile Ulanovas per il suo 20° punto di serata a 23” dalla sirena. Il finale è sul filo di lana: Guduric spreca pestando la linea laterale, Westermann manca l’occasione di chiuderla facendo 0/2 ai liberi ma alla fine Datome sbaglia da poco oltre metà campo la tripla del 2-0, mandando la serie a Kaunas sul pari a quota 1.
Fenerbahce: Datome 17+9, Sloukas 15, Vesely 12
Zalgiris: Ulanovas 20, Wolters 14, Davies 13