Pelicans ancora ko, Spurs ok, OKC non può nulla contro Harden

I risultati delle gare degli italiani impegnati in NBA: sconfitte per Niccolò Melli e Danilo Gallinari, ancora imbattuto Marco Belinelli
29.10.2019 09:00 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
Pelicans ancora ko, Spurs ok, OKC non può nulla contro Harden

HOUSTON ROCKETS-OKLAHOMA CITY THUNDER 116-112 
Prima da ex contro i suoi Thunder per Russell Wesbrook, stesso agonismo di sempre: il numero 0 sfiora la tripla doppia (21 punti, 12 rimbalzi, 9 assist) contro l'unica squadra che non l'ha mai subita, ma l'eroe per i texani è l'altro ex, James Harden. 40 punti per il barba, ancora impreciso su azione (8/21 dal campo, 3/14 da lontano) ma sempre quasi perfetto a cronometro fermo, fondamentale il suo 21/22 ai liberi per completare il parziale di rimonta da 39-18. 35 minuti in campo per Danilo Gallinari, con 17 punti nonostante il 6/17 dal campo. 

NEW ORLEANS PELICANS-GOLDEN STATE WARRIORS 123-134 
E' Golden State a trovare la prima vittoria stagionale, lasciando i Pelicans a quattro sconfitte. Come quasi sempre accade, i Warriors sono vittoriosi quando Draymond Green trova la tripla doppia (16 punti, 17 rimbalzi, 10 assist), ma quando gira tutta la squadra oltre al numero 23, tutto è più facile per Kerr è soci: sono altri 5 i dubs in doppia cifra, con 26 per Curry, 24 per D'Angelo Russell, e 23 dalla panchina per Damion LeeIngram continua ad essere caldo con 27 punti e 10 rimbalzi, e la panchina dei Pelicans porta molto contributo, con i 19 di Hayes, i 16 di Williams ed i 15 di Alexander-Walker, ma i 20 rimbalzi in meno rispetto ai vicecampioni si fanno sentire. Solo 2 punti per Niccolò Melli

SAN ANTONIO SPURS-PORTLAND TRAIL BLAZERS 113-110
Serve un po' di fortuna agli Spurs per mantenersi ancora imbattuti e volare sul 3-0: la tripla del possibile pareggio dei Blazers, dopo aver danzato sul ferro per una eternità, viene sputata fuori, condannando Lillard e soci alla sconfitta. Successo in rimonta per i neroargento, che grazie al 37-20 nel terzo periodo rientrano in gara, guidati dai 27 di DeRozan ed i 21 di White in uscita dalla panchina. Marco Belinelli chiude con sette punti a referto, 3/7 dal campo, una tripla e due assist in 17 minuti di utilizzo, ma un plus minus negativo, con Popovich che ha lasciato l'azzurro in panchina durante la rimonta. 28 punti per Lillard (18 nel quarto quarto), 27 per McCollum, ma il 39/100 dei Blazers al tiro pesa come un macigno.