Mondiali 2014: Lituania-Stati Uniti è la prima semifinale

I baltici superano la Turchia, mentre gli americani stendono la Slovenia
 di Luca Servadei Twitter:   articolo letto 513 volte
La gioia della Lituania
La gioia della Lituania

Sono Stati Uniti e Lituania le prime due semifinaliste del Mondiale 2014 di basket e si affronteranno giovedì nella rivincita della sfida della rassegna iridata di quattro anni da. Domani toccherà alle altre due sfide: Serbia-Brasile e Spagna-Francia.

Slovenia-Stati Uniti 76-119
Un tempo di sofferenza, poi la fuga e lo spettacolo: così gli Stati Uniti superano la Slovenia e conquistano il posto in semifinale. La formazione europea parte bene, trovando canestri importanti con Lorbek, ma soffre come prevedibile sotto canestro. La squadra di coach K conquista rimbalzi offensivi in serie, soprattutto con il solito Faried, con cui resta agganciata, prima del sorpasso firmato dalle prime giocate importanti di Rose dell’intera rassegna iridata. La situazione falli è già complicata per la Slovenia e gli americani trovano il primo allungo (15-26 all’80), quando Cousins recupera a centrocampo e va a schiacciare in maniera perentoria in contropiede.

Il merito degli uomini di Zdovc è quello di non crollare, mettendo un po’ di zona difensiva, contro la quale non entrano i tiri dall’arco di Curry e Thompson, chiudendo il primo tempo solamente sotto di 7 (42-49), con la prima tripla del match di Zoran Dragic. Il -5 è firmato da un canestro da sotto del fratello Goran, ma la squadra americana inventa un paio di canestri, torna a correre e piazza un 8-0, con cui riprende la doppia cifra di vantaggio (44-57 al 23’). Il break decisivo arriva qualche minuto più tardi, quando Harden si sblocca e Irving firma il +17 su una tripla in transizione. Finisce qui, visto che gli americani dilagano e trovano anche spettacolo con numerose schiacciate al volo.

Lituania-Turchia 73-61
La Lituania supera la Turchia con il punteggio di 73-61 e diventa la prima semifinalista di questi Mondiali 2014.
Parte meglio la Turchia trascinata da un Preldzic ancora caldo dalla sfida contro l'Australia che segna 6 punti nei primi 4 minuti, regalando immediatamente 8 lunghezze di vantaggio agli uomini di Ataman. In difesa i lunghi turchi riescono a contenere la superiore fisicità dei lituani e Asik ferma in un paio di occasioni i tentativi di aggredire il canestro di Valanciunas e Motiejunas.  Pocius e Seibutis provano a ricucire lo strappo affidandosi al tiro da 3 punti, ma la prima frazione si chiude sul +5 Turchia (13-18). Nel secondo parziale Kazlauskas inserisce forze fresche dalla panchina e trova in Darius Lavrinovic un super contributo: con 3 triple consecutive che spaccano in due la partita, la Lituania torna in vantaggio. La fisicità di Valanciunas inizia a rappresentare un grosso problema per la difesa turca ed il tap-in del centro dei Raptors vale il +5 che costringe Ataman al time-out. 33-28 il parziale all'intervallo lungo.

Il secondo tempo si apre con la tripla di Pocius che scuote però la squadra turca, trascinata da Preldzic e Arslan nuovamente sul +4 (36-40). La Lituania si affida ancora al tiro da 3 punti e con Seibutis prima, e Pocius, poi, buca la retina turca. Sul canestro discusso di Jankunas si chiude il terzo quarto (47-44). L'ultima frazione si apre con un Seibutis sempre più protagonista, che complici i problemi di falli di Asik, imperversa in attacco siglando 7 punti consecutivi. Ataman decide di giocarsi gli ultimi minuti con il quintetto "piccolo", ma la difesa lituana sale di giri e Jonas Maciulis in attacco azzanna la partita per la giugulare. Il cuore di Arslan regala il nuovo -9 alla Turchia a 3 minuti dal termine, ma la rimonta, questa volta, non si concretizza.