Verso la Cina: Nowitzki ambasciatore; Australia, c'è Simmons!

Dirk Nowitzki è la terza icona a diventare ambasciatore del primo Mondiale a 32 squadre, unendosi a Yao e Bryant; nei boomers, invece, conferme importanti.
16.05.2019 17:27 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:    Vedi letture
Verso la Cina: Nowitzki ambasciatore; Australia, c'è Simmons!

Prosegue l’avvicinamento al prossimo Mondiale, il primo a 32 squadre. Nella giornata di oggi la FIBA ha ufficializzato il nome di un’altra icona della pallacanestro che sarà ambasciatore dell’evento, dopo Yao Ming e Kobe Bryant.

Si tratta, infatti, di Dirk Nowitzki, fresco di ritiro dal basket giocato dopo aver chiuso la stagione NBA con i Dallas Mavericks. Nowitzki ha avuto una carriera illustre per la Germania ed ha giocato a livelli eccelsi nelle competizioni FIBA per una gran parte delle scorse due decadi (1999-2015). Nel 2002 ha portato il suo Paese a uno dei migliori risultati di sempre alla World Cup, finendo al terzo posto - l’unico podio tedesco a livello globale (Mondiali, Giochi Olimpici o Europei). È stato nominato MVP del torneo in quell’occasione, dove fu anche miglior realizzatore del torneo con 24 punti a partita. Come ambasciatore globale, Nowitzki aiuterà nella promozione della World Cup prendendo parte ad attività nella Road to China 2019, e sarà presente alla prima edizione della World Cup a 32 squadre.

Sono entusiasta di essere un ambasciatore della FIBA Basketball World Cup 2019. È un onore unirmi a Yao Ming e Kobe Bryant, due dei miei più forti rivali in carriera, in questo prestigioso incarico” ha detto Nowitzki, che ha aggiunto: “ho davvero tantissimi ricordi di basket giocato ai massimi livelli, ma indossare la maglia della mia nazionale e rappresentare la Germania nelle competizioni FIBA è sempre stata una fonte di immenso orgoglio per me. Sono stato fortunato a giocare nei tornei più importanti del mondo - Mondiali, Giochi Olimpici ed Europei. Aiutare la Germania a vincere il bronzo alla World Cup di Indianapolis nel 2002 resta uno dei miei momenti preferiti in carriera. Ho visto in prima persona il gioco a livello internazionale evolversi e crescere. Una World Cup con 32 squadre può portare i tornei per nazionali ad un livello mai visto prima, e rendere l’evento uno dei più competitivi di sempre”.

A migliorare la competizione potrebbe esserci anche una squadra molto attesa come l’Australia: tramite un video diffuso sui social network, l’All Star dei Philadelphia 76ers Ben Simmons ha ufficializzato la sua presenza al prossimo Mondiale, per i suoi boomers che saranno impegnati nel “girone di ferro” insieme a Canada, Lituania e Senegal. Dovrebbe essere assicurata anche la presenza dell’ala dei Jazz Joe Ingles, mentre l’altro giocatore Aussie di Utah, Dante Exum, non ci sarà, anche a causa dei tanti problemi di infortuni.