Italbasket, a Milano abbraccio mondiale. E c'è la strada per il 2021

Le azzurre giocheranno con Rep Ceca, Romania e Danimarca, i ragazzi di coach Sacchetti nel gruppo di qualificazione con Russia, Macedonia ed Estonia
22.07.2019 18:40 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
Italbasket, a Milano abbraccio mondiale. E c'è la strada per il 2021

Un lunedì a tutto azzurro. Stamattina, a Monaco in Germania, si sono svolti i sorteggi per le qualificazioni ai due tornei EuroBasket 2021, sia per le donne che per gli uomini. La kermesse femminile si svolgerà in Francia ed in Spagna, tra Lione, Valencia, e Parigi: per arrivarci, le azzurre dovranno vincere il proprio girone o finire tra le cinque migliori seconde (su nove gironi complessivi). Gli azzurri di Meo Sacchetti, invece, sono già qualificati per la kermesse che si svolgerà tra due anni, in virtù dell'ospitare il girone di Milano. Per questo, oltre a loro, si qualificheranno le due migliori qualificate del girone B: l'Italia partecipa da fuoriclassifica, con le partite che comunque conteranno per il ranking FIBA che determina le fasce per i sorteggi internazionali. 

Eurobasket donne 2021
Gruppo D
ITALIA
Repubblica Ceca
Romania
Danimarca

Eurobasket uomini 2021
Gruppo B
ITALIA
Macedonia del Nord
Russia
Estonia

La giornata di oggi, però, è stata soprattutto l'occasione per tributare, da parte dei tifosi, agli azzurri Mondiali un primo bagno di folla in attesa dei tornei di Trento e Verona. Con solo Daniel Hackett e Nicolò Melli come assenti giustificati, i convocati per il ritiro azzurro hanno incontrato i tifosi a Milano, presso l'Airness Store di Piazza Gae Aulenti, in un incontro moderato da Alessandro Mamoli di Sky Sport e Gianluca Gazzoli di Radio Deejay. Assenti per motivazioni di forza maggiore Brian Sacchetti e Luca Vitali, invischiati nel caos Treni di oggi. I più applauditi sono Datome, Belinelli Gallinari, col "padrone di casa" che arringa la folla, mentre il giocatore del Fenerbahce parla da capitano: "Devo ringraziare i ragazzi che si sono qualificati. Non ci sono parole per descrivere cosa sia giocare un mondiale, non vediamo l'ora". Chi c'era nell'ultimo mondiale azzurro, anche quello ad oriente, nel 2006, è la guardia degli Spurs: "Nel 2006 il mondiale per me è stato molto bello e pieno di emozioni. Anche se sono il solo ad averne giocato uno siamo tutti molto esperti a livello di club, cercheremo di fare il massimo e di fare qualcosa di positivo". Le oltre 250 persone in fila per una foto con gli azzurri hanno anche sentito le parole di Riccardo Moraschini, alla prima uscita pubblica da giocatore Milanese: "E' bello poter sognare di provare a giocare un mondiale".