Italia, un’occasione mancata: ko nel finale, ai quarti va la Spagna

Gli azzurri giocano una partita ruvida contro i rivali iberici, mancando nel finale la possibilità di tenere aperta la corsa ai quarti di finale e al biglietto diretto per Tokyo 2020.
06.09.2019 18:44 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:    Vedi letture
Italia, un’occasione mancata: ko nel finale, ai quarti va la Spagna

Occasione mancata per l’Italbasket di Meo Sacchetti, che perde nel finale la partita contro la Spagna di Sergio Scariolo e vede terminare stasera il suo Mondiale cinese: la sfida di domenica -nella mattina italiana- contro Portorico avrà valore soltanto per le statistiche. L’amarezza c’è ed è sostanziosa a Wuhan, perché contro una Spagna tutt’altro che irresistibile -anche per enormi meriti azzurri, su tutti di Paul Biligha e Gigi Datome- sarebbe servito davvero poco di più per tenere aperta la porta verso i quarti di finale e la possibilità della qualificazione diretta alle Olimpiadi. Si ripartirà invece dal Preolimpico del prossimo giugno, e dall’Europeo casalingo -almeno limitatamente alla prima fase- del 2021.

Agli azzurri si è spenta la luce nel finale di gara, dopo che Danilo Gallinari aveva firmato la fondamentale tripla del +4 a poco più di quattro minuti dalla fine. Da quel momento un parziale di 10-0, chiuso dall’unico canestro dal campo di un deludente Marc Gasol, ben chiuso da Paul Biligha. Non è tanto un discorso sulle percentuali al tiro di Marco Belinelli (3/16) o dell’apporto limitato e intermittente di Gentile e Hackett (molto bene dietro, meno in attacco) o dello stesso Gallinari: per gli azzurri quello di oggi è un passo indietro, da cui si dovrà ripartire anche se le occasioni per ’nobilitare’ questa generazioni ormai sono ridotte.

L’Italia era partita benissimo, limitando la Spagna a più palle perse che punti (sette contro cinque) nei primi 6’ di partita, chiusi a +10. Con l’ingresso in campo di Sergio Llull però è cambiato il match: break di recupero, con gli azzurri che hanno trovato solo 11 punti nei successivi 10’, per poi trovare comunque la lucidità per issarsi sul +1 all’intervallo.

Nel terzo periodo gli iberici hanno provato lo strappo, con Juancho Hernangomez protagonista (16 alla fine per l’ala dei Nuggets), ma gli azzurri si sono comunque tenuti a galla con un bell’impatto sul match di Amedeo Della Valle e i canestri di Datome. Da lì la partita è diventata ancora più “sporca”, con la Spagna capace di trovare solo 2 punti nei primi 6’ dell’ultimo quarto per ritrovati meriti azzurri. Fino al crollo nel finale, successivo alla tripla dell’ala dei Thunder.