Dal calcio al cinema: che parata di stelle alla O2 Arena!

Tanti i vip che non hanno voluto mancare l'appuntamento con la NBA in terra britannica.
12.01.2018 11:31 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:   articolo letto 161 volte
Pallotta, Ferguson in parterre
Pallotta, Ferguson in parterre

I parterre delle partite NBA sono spesso l'occasione di ammirare personaggi illustri del mondo dello sport o dello spettacolo, e l'NBA London Game 2018 non ha voluto certamente essere da meno.

A farla da padrone è il calcio, con tantissimi rappresentanti della Premier League, ma interessante anche la partecipazione delle stelle del cinema. Ecco una selezione delle foto migliori dei VIP che hanno affollato la o2 Arena e assistito alla sfida tra Philadelphia 76ers e Boston Celtics.

Una leggenda del calcio come Sir Alex Ferguson scambia qualche parola con il presidente della Roma (e co-proprietario dei Celtics) James Pallotta. © foto di David M. Benett
Il francese ex-Arsenal Robert Pires in compagnia della moglie Jessica. © foto di David M. Benett
Spazio anche alle NBA Legends: qui Robert Parish, indimenticata gloria dei Boston Celtics. © foto di David M. Benett
C'e' anche un po' di Hollywood nel parterre della o2 Arena: qui Naomie Harris, candidata all'Oscar lo scorso anno per il film Moonlight. © foto di David M. Benett
E' la star del Chelsea di Antonio Conte: anche Eden Hazard presente alla o2 Arena. © foto di David M. Benett
Julian Draxler (ora al PSG) e Sead Kolasinac (Arsenal) si ritrovano alla o2 Arena per la NBA dopo l'esperienza comune allo Schalke 04. © foto di David M. Benett
Grande appassionato di NBA, il portiere belga del Chelsea Thibaut Courtois non poteva mancare. © foto di David M. Benett
Una leggenda del calcio tedesco: c'e' anche Michael Ballack alla o2 Arena. © foto di David M. Benett
E' uno dei calciatori del momento, stella del Manchester City che sta dominando la Premier League: ecco Kevin De Bruyne. © foto di David M. Benett
Protagonisti in settimana del clinic Junior NBA, dal Crystal Palace Jairo Riedewald e Timothy Fosu-Mensah. © foto di David M. Benett