NBA playoffs: Rockets ok nonostante Westbrook, Wizards e Warriors sul 2-0

Westbrook compila la tripla doppia ai 51, ma vincono i Rockets, come Wizards e Hawks.
 di Simone Mazzola Twitter:   articolo letto 144 volte
NBA playoffs: Rockets ok nonostante Westbrook, Wizards e Warriors sul 2-0

Nella notte NBA ci sono tre raddoppi nelle serie, con le teste di serie impegnate che tengono il servizio e mettono la prima piccola ipoteca sulla serie.

Washington Wizards-Atlanta Hawks 109-101 (Serie 2-0)
Non c’è dubbio che molta di questa serie si giochi tra John Wall e Dennis Schroder con il primo a dominare e il secondo a dare comunque filo da torcere. Wall mette insieme un’altra sontuosa partita da 32 punti, 9 assists e 5 rimbalzi con anche un recupero propiziato nel finale su Bazemore che lo porta a schiacciare il canestro del break decisivo, prima dell’assists per la tripla di Beal che chiude definitivamente i conti. Schroder ne mette 23, Millsap chiude in doppia doppia da 27 punti e 10 rimbalzi con 14-15 dalla lunetta tanto da far dire a Brooks prima dell’ultimo periodo: “non possiamo difendere i tiri dalla lunetta, stiamo facendo troppi falli”.
La leaership di Wall però pervade tutto il quarto periodo e i suoi Wizards raddoppiano mettendo ora tanta pressione sugli hawks che dovranno rispondere con due vittorie per riaprire la serie.

Houston Rockets – Oklahoma City Thunder 115-111 (serie 2-0)
Anche per i Rockets non è stata una passeggiata come gara 1, visto che si sono trovati sotto anche di 12 lunghezze nel terzo periodo al cospetto di un Russell Westbrook che ne segna 51 con 13 assists e 10 rimbalzi ma con 17-43 dal campo e 2-11 da tre punti. Il contributo del resto della squadra è sempre relativo, un po’ per il monopolio di Russ, un po’ perché Oladipo è in un’altra serata no con 4-14 al tiro, mentre se facciamo eccezione per McDermott, il tiro da tre punti è il vero tallone d’Achille di questa OKC. Harden ne mette 35 e propizia la rimonta con due triple importantissime sul finire del terzo periodo. Nel finale poi costruisce per sé e i compagni conquistando così un meritato 2-0 nella serie.

Golden State Warriors-Portland Trail Balzers 110-81 (serie 2-0)
Il miracolo sportivo dei Blazers di gara uno nel rimanere attaccati al match fino in fondo è stato uno sbiadito ricordo perché gara due non ha storia dal primo minuto con i Warriors che, nonostante la preoccupante assenza di Kevin Durant, mettono in chiaro subito le cose con il 33-17 del primo quarto che sostanzialmente archivia la contesa. Nel secondo quarto c’è il sussulto d’orgoglio dei Blazers che vogliono rimanere in partita, ma nel secondo tempo si apre ancor di più la forbice e i Warriors vanno 2-0 controllando agevolmente con 31 assists su 50 canestri.