Brooklyn Nets: Spencer Dinwiddie più forte delle assenze

Una analisi del complicato inizio di stagione dei Brooklyn Nets, tra assenze per infortunio ed equilibri da ritrovare, ripartendo sulle poche certezze
25.11.2019 14:34 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
Brooklyn Nets: Spencer Dinwiddie più forte delle assenze

I Brooklyn Nets, dopo il pirotecnico mercato estivo, erano una delle squadre maggiormente attese al varco. Tuttavia, soltanto con la vittoria contro i Knicks sono riusciti a raggiungere il 50% di vittorie. Quali sono le ragioni di questo avvio stentato?

Oltre alla conclamata assenza di Kevin Durant, per infortunio (difficilmente lo vedremo questa stagione), i Nets stanno avendo problemi nel trovare la quadra con un roster in larga parte rivoluzionato rispetto alla scorsa stagione. Chi si deve ancora ambientare, è sopratutto Kyrie Irving: le sue cifre individuali non sono in discussione, mentre la sua chimica con i nuovi compagni, si. Il processo di ambientamento si è arrestato con l'infortunio dell'ex Celtics, che si aggiunge al già citato Durant e Caris Levert

Ma le avversità forgiano il talento, e di talento ne ha parecchio Spencer Dinwiddie. Leader da anni dei Nets, i guai fiisci dei suoi compagni l'hanno promosso da sesto uomo di lusso a titolare, e l'ex Pistons si è caricato la squadra sulle spalle: quattro vittorie nelle ultime cinque per Brooklyn, 30 punti per il numero 8. "Fa la differenza", ha dichiarato coach Atkinson, che rischia di trovarsi problemi di abbondanza quando rientreranno LeVert ed Irving. Dinwiddie potrebbe essere di nuovo spostato in panchina, o promosso come titolare al posto del numero 11.