D'Antoni e gli Houston Rockets vicini ad un nuovo contratto... o forse no

L'allenatore dei Texani, dopo un brusco stop alle trattative, sembra essersi riavvicinato alla proprietà: estensione in vista o bluff della dirigenza?
09.06.2019 19:28 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
D'Antoni e gli Houston Rockets vicini ad un nuovo contratto... o forse no

Gli Houston Rockets e Mike D'Antoni hanno ricominciato a parlare circa un potenziale rinnovo contrattuale, e sono vicini ad un accordo, secondo ESPN. Il proprietario della franchigia Texana, Tim Fertitta, ha incontrato l'ex Olimpia Milano insieme al GM Daryl Morey, proponendogli un salario maggiore (5 milioni), ed eliminando clausole rescissorie per eventuali esoneri, fatto che aveva spinto l'agente dell'allenatore italoamericano, Warren LeGarie, a chiudere le discussioni contrattuali lo scorso 30 Maggio. 

Tuttavia, lo stesso LeGarie nega che le parti siano vicine ad un accordo, e riporta una immagine molto diversa di ciò che è accaduto. "Tim e Daryl hanno parlato a Mike senza di me, presentandogli l'offerta, alla quale Mike ha risposto "Mi sembra fantastico, ma parlatene col mio agente". Mike pensa ad allenare, io a negoziare. Non mi hanno ancora chiamato, ed è una offerta migliore della precedente, ma ancora fuori dal mercato di Mike, che è una persona affabile che cerca sempre di stemperare gli animi in una situazione complicata". 

L'offerta attuale dei Rockets è di 5 milioni più bonus in caso di avanzamento nei playoff, offerta ritenuta troppo bassa dall'agente del coach. D'Antoni ha un solo anno di contratto rimanente, e dopo aver perso tutto il suo precedente staff, è in una situazione tesa con la proprietà, nonostante il record di 173-73 nelle ultime tre stagioni, con delle cavalcate playoff interrotte soltanto dai Golden State Warriors. Le trattative, come la situazione tecnica dei Rockets, sembrano essere quindi bloccate: il GM Morey sta provando ad intavolare delle trattative, ma il suo roster ha poco valore di mercato. Harden è inamovibile, mentre la combinazione di contratto, salute ed età di Chris Paul lo rende inscambiabile.