I nuovi Sixers travolgono i Lakers; Doncic, sempre decisivo

I risultati della notte NBA
11.02.2019 08:16 di Paolo Terrasi Twitter:   articolo letto 255 volte
I nuovi Sixers travolgono i Lakers; Doncic, sempre decisivo

Philadelphia 76ers-Los Angeles Lakers 143-120
Continuano a vincere e convincere i Sixers targati Big Four, mentre i Lakers continuano ad avere problemi, specialmente in difesa. La partita dura soltanto tre quarti e mezzo: dopo il primo, equilibratissimo, con le difese già abbastanza allegre (40-39), arriva nel secondo il primo strappo da parte dei padroni di casa, che si portano sopra la doppia cifra di vantaggio. Alla ripresa delle ostilità dopo l'intervallo, i gialloviola ricuciono lo svantaggio fino a soli tre punti, grazie alle giocate di un ispirato Kyle Kuzma (39 alla fine per lui), che insieme a Lebron James (ad un solo assist dalla tripla doppia con 18 punti e 10 rimbalzi) provano a spingere L.A. al secondo successo consecutivo. Ma i Sixers sono di ben altro avviso, e con Kuzma e James in panca riportano Philadelphia a +15, chiudendo di fatto la gara e rendendo il quarto quarto accademia. I 37 punti per Joel Embiid,  22 di un Tobias Harris chirurgico (22 punti, 6 rimbalzi, 6 assist e 9/14 dal campo), insieme ai 21 di JJ Redick ed i 16 di Jimmy Butler bastano ed avanzano per strappare il referto rosa. 

Dallas Mavericks-Portland Trail Blazers 102-101
Luka Doncic continua ad essere mortale nel clutch time, segnando 13 dei suoi 28 punti nel quarto quarto, incluso il gioco da tre punti che dà il vantaggio definitivo a Dallas, che corona così un inseguimento partito dal -15 di fine terzo quarto con un parziale di 21 a 5 negli ultimi minuti, 24-9 in tutta l'ultima frazione. Una galoppata al quale ha contribuito anche il nuovo arrivato Tim Hardaway Jr, con 24 punti. Si è rivisto in campo Dirk Nowitzki, che segna una tripla in 13 minuti. Recriminano i Blazers, che si aggiungono alla lunga lista di squadre rimontate in maniera incredibile negli ultimi giorni: Damian Lillard, autore di 30 punti, stavolta non riesce a segnare il canestro decisivo del sorpasso, venendo soffocato dalla difesa texana. 

Golden State Warriors-Miami Heat 120-118
Kevin Durant e DeMarcus Cousins evitano una brutta sconfitta interna a Golden State. I campioni NBA in carica, infatti, cadono fino al -19 contro una Miami trascinata dai 37 punti di Josh Richardson, ma recuperano con l'ex OKC (39) e Thompson (29), prima di conquistare la vittoria con due tiri liberi dell'ex Sacramento, mantenendo così la vetta ad Ovest.

Le altre partite:
Atlanta Hawks-Orlando Magic 108-124
Sacramento Kings-Phoenix Suns 117-104