Il paradosso del Gallo: dopo la miglior stagione, futuro incerto per l'azzurro

Nonostante la stagione appena conclusa sia stata la migliore della carriera del numero otto, il futuro di Gallinari appare lontano dai Los Angeles Clippers
15.05.2019 18:47 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
Il paradosso del Gallo: dopo la miglior stagione, futuro incerto per l'azzurro

E' stata una stagione da incorniciare per Danilo Gallinari, arrivata dopo una delle peggiori annate della sua carriera. L'azzurro, dopo aver giocato soltanto 21 partite nella stagione 17-18, si è "rialzato" giocandone 68, ma le notizie positive per il gallo non sono solo dal punto di vista del fisico: a livello statistico, come scrive il sito di The Athletic, il Gallo ha giocato una stagione, per efficienza, da All Star. 

20 punti di media con 6 rimbalzi a sera, percentuali da cecchino, la solita perfezione ai liberi, una leadership divenuta totale dopo la trade di Tobias Harris, una stagione che è finita soltanto dopo sei gare contro i Golden State Warriors: una affermazione, a 31 anni da compiere, dopo tanti anni pieni di infortuni e dubbi du di lui, che accresce gli estimatori oltreoceano del Gallo. Ma nonostante ciò, il suo futuro è assolutamente incerto. 

La situazione salariale dei Clippers, infatti, è molto positiva, con abbastanza spazio per firmare un All Star al massimo salariale (e decisamente non mancano quest'anno nomi da scegliere). Lo spazio potrebbe essere tuttavia per due, ed è qui che entra in ballo il principale difetto del Gallo: il suo contratto. L'azzurro prenderà infatti 22 milioni il prossimo anno, soldi che secondo la dirigenza dei Clippers sono troppi per un giocatore fragile e 32enne come il numero 8. Per dare una idea, Montrezl HarrellLou Williams, e Shai Gilgeous Alexander, fondamentali quasi o più dell'azzurro la scorsa stagione, peseranno sui libri paga dei losangelini per soli 18 milioni. Appare quindi improbabile che una società che non si è fatta problemi a sacrificare il più giovane, sano, ed efficiente Tobias Harris per creare spazio salariale, confermi Danilo. Ma se c'è una possibilità che questa beffa venga evitata, è grazie alle prestazioni dell'azzurro.