NBA All Star Game: il draft di Giannis e LeBron, tra battute e colpi di scena

Il processo di compilazione delle squadre del prossimo All Star Game
08.02.2019 15:57 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
NBA All Star Game: il draft di Giannis e LeBron, tra battute e colpi di scena

Dopo il cambio di format dello scorso anno, con le squadre miste scelte dai capitani, quest'anno per la prima volta il processo di selezione è stato trasmesso in TV. 

Giannis Antetokounmpo e Lebron James hanno quindi completato le loro squadre, regalando intanto vari siparietti memorabili.
La squadra del numero 23 sarà composta da Kevin Durant, Kyrie Irving, Kawhi Leonard, James Harden, Anthony Davis, Klay Thompson, Ben Simmons, Damian Lillard, Lamarcus Aldridge, Karl-Anthony Towns, Bradley Beal e Dwyane Wade; quella del greco, che come annunciato ha dato la priorità ai novellini, vede nelle sue fila Steph Curry, Joel Embiid, Paul George, Kemba Walker, Khris Middleton, Nikola Jokic, Blake Griffin, Russell Westbrook, D'Angelo Russell, Nikola Vucevic, Kyle Lowry e Dirk Nowitzki

Particolare clamore hanno destato le scelte del giocatore dei Lakers: 5 dei primi 6 nomi da lui chiamati sono futuri free agent. Coincidenza o mossa voluta per prendere in giro le accuse di tampering? Probabilmente la seconda, visto che Anthony Davis è stato chiamato per primo tra le riserve, con il giornalista che presentava l'evento che aveva la battuta pronta: "Sicuro di volerlo come compagno di squadra? Sicurissimo" - ha dichiarato James, prima dell'intervento di Antetokounmpo che ha scatenato le risate chiedendo se si trattasse di "tampering" anche questo: "Le regole del tampering non si applicano all'All Star Weekend" l'ironica risposta del 23. 

Le battute non sono finite qua: dopo aver proposto la trade Westbrook-Simmons (accettata dal greco), in quanto il giocatore di Philadelphia sia "figlioccio" e compagno di "scuderia" (condividono lo stesso agente, Rich Paul) di James, in cambio di un numero 0 che come sarcasticamente sottolineato "Va molto d'accordo con Joel Embiid" (i due si detestano cordialmente, come sottolineato dalla risposta su twitter del numero 21 dei Sixers), Charles Barkley, presente in studio, ha proposto al greco di scambiare tutta la sua panchina per Davis, in chiaro riferimento alle offerte dei Lakers di Lebron e le trattative con i Pelicans. In un clima sereno, pieno di battute, ironia, ed anche rispetto per i giocatori, è cominciato l'All Star Game: il prossimo appuntamento è il campo.