Phila senza Embiid fa 2-1, Warriors e Spurs tornano a vincere

I risultati dei playoff NBA
19.04.2019 08:58 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
Phila senza Embiid fa 2-1, Warriors e Spurs tornano a vincere

Brooklyn Nets-Philadelphia 76ers 115-131
I problemi al ginocchio fermano Embiid, che si ferma per la 15esima volta nelle ultime 25 gare, ma i Sixers non soffrono la sua mancanza grazie ad un ottimo Ben Simmons, che risponde agli sfottò di Brooklyn con una super prestazione. 31 punti per l'australiano, tirando 11/13 dal campo nonostante la difesa dei Nets cercasse di togliergli invano qualsiasi tipo di conclusione al ferro: ogni raddoppio ha portato ad assist per l'ispiratissimo Tobias Harris, 29 punti, 16 rimbalzi e 6/6 dalla lunga distanza, o per il solito cecchino JJ Redick, 26 con cinque triple. Phila parte forte già nel primo quarto, ammutolendo il Barclays Center che era partito carico per il ritorno della postseason, e gestisce i Nets, che non hanno troppi spunti di rimonta a parte i 26 a testa di Russell LeVert: il fattore campo torna nelle mani dei Sixers.

San Antonio Spurs-Denver Nuggets 118-108
Il fattore campo rimane invece nelle mani dei texani, che piegano in gara 3 i Nuggets grazie alla straordinaria prova di Derrick White: 26 punti nel solo primo tempo (record all time ai playoff per i neroargento dietro a Duncan e Parker), 36 alla sirena finale, sono stati un costante grattacapo difensivo per Jamal Murray, che dopo l'exploit del quarto quarto di gara 2, cede sia in difesa che in attacco. Solo sei punti per lo scorer di Denver, arginato dallo stesso White. Il protagonista indiscusso è il numero 4, ma tutto il quintetto Spurs va in doppia cifra, guidati dai 25 di DeRozan e la doppia doppia di Aldridge, mentre Marco Belinelli segna due triple in 17 minuti giocati. Sugli scudi per Denver il solito Jokic con 22 punti, otto rimbalzi e sette assist.

Los Angeles Clippers-Golden State Warriors 105-132
Dopo le critiche piovute su di lui dopo gara 2, e gli elogi alla difesa di Patrick BeverleyKevin Durant non si è fatto attendere, iniziando la gara con 5 canestri consecutivi su 5 tentativi, per 12 punti in 7 minuti, mentre Curry chiude il primo quarto con 13 punti, per il 41-24 che indirizza la gara già nel primo quarto. Stavolta i campioni non vogliono scherzi, tenendo il piede sull'acceleratore per tutta la gara, evitando altre rimonte epiche e chiudendo forte. L'ex Thunder con 38 punti in meno di 30 minuti stabilisce un solo record, mentre per i Clippers gli unici sopra la doppia cifra, oltre al duo Harrell-Williams dalla panchina, sono Green (15 punti, 8 nel primo quarto) e Zubac, top scorer con 18 punti e 15 rimbalzi. Solo 9 punti per Danilo Gallinari