Rondo vuole rimanere a Chicago, Fultz-Ball la sfida è già lanciata

Le ultime novità che arrivano da oltre Oceano a pochi giorni dal via dei playoff.
 di Luca Servadei Twitter:   articolo letto 103 volte
Rajon Rondo
Rajon Rondo

Fino a questo momento i Chicago Bulls sono stati, a mani bassissime, la grande sorpresa di questi playoff. I Tori stanno facendo rimpiangere ai Boston Celtics di avere chiuso la regular season al primo posto della Eastern Conference davanti ai Cleveland Cavaliers visto che, dopo i primi due episodi della serie, la formazione di coach Fred Hoiberg si trova avanti per 2-0 con due vittorie in trasferta al Garden. Tra i giocatori che più hanno messo in crisi i meccanismi della macchina (fino ad ora) perfetta di coach Brad Stevens c’è sicuramente Rajon Rondo, il grande ex, che spera di poter restare nella Windy City anche in vista della prossima stagione. “Mi piace dove sono e credo che abbiamo un buon team – ha assicurato il playmaker prima di gara 2 -. A metà stagione abbiamo fatto una trade importante e, nonostante abbiamo cambiato quintetto in quarantacinque occasioni, ci siamo qualificati per i playoff. Ora dobbiamo rimanere consistenti e aumentare la nostra chimica di squadra”, le sue parole. Secondo quanto riferiscono i media di oltre Oceano, la decisione di Rondo sarebbe indipendente rispetto a quella di Dwyane Wade che, dopo una sola stagione, potrebbe decidere di uscire dal contratto con la squadra della sua città natale.

Chi, invece, nella NBA non ci è ancora entrato è Markelle Fultz, da Washington University, uno dei migliori prospetti assoluti in vista del prossimo draft in cui, con ogni probabilità, sarà primo o seconda scelta. La giovane point guard, però, ha già mostrato di avere le idee assai chiare circa il proprio futuro:  “Ho sognato per tutta la mia vita di poter essere la prima scelta assoluta di un Draft NBA, ma ancora più importante per me è sbarcare nella lega ed essere pronto fin da subito a fare grandi cose. Voglio vincere il premio di rookie dell’anno ma se devo essere onesto il mio vero obiettivo è quello di chiudere il prossimo anno come MVP della lega”, le sue parole. La rivalità con Lonzo Ball, stella di UCLA, che proprio con l'Huskies si giocherà la prima chiamata, è già accesissima: “Rispetto Lonzo come giocatore e rispetto anche le sue parole, perché a questo livello ognuno di noi deve avere dentro di sé la convinzione di essere il migliore, ma più di tutto le trovo divertenti. Giocando nello stesso ruolo finirà che ci sfideremo, uno contro l’altro, per cui sì: cercherò di batterlo e far meglio di lui”, ha aggiunto Fultz.