A Valencia ancora a porte chiuse: “Essere più efficaci nel finale”

Milano chiude il doppio turno di Eurolega con un match cruciale per riaprire le speranze di playoff. Anche alla Fonteta si giocherà a porte chiuse.
04.03.2020 17:00 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:    Vedi letture
A Valencia ancora a porte chiuse: “Essere più efficaci nel finale”

L’Olimpia si rimette in viaggio verso la Spagna per sfidare Valencia, a sua volta reduce da una sconfitta esterna a Villeurbanne. Milano è reduce da un’altra sconfitta in volata contro il Real Madrid in cui non ha saputo conservare il margine di vantaggio conquistato nel primo tempo e poi di nuovo nel secondo, nonostante la strepitosa prestazione di Riccardo Moraschini, che ha riscritto in una sera tutti o quasi i suoi record personali. Si gioca alle 21 a Valencia, domani sera, ancora a porte chiuse.

L’OLIMPIA – Si è allenata in tarda mattinata al Mediolanum Forum e poi è partita per Valencia con un volo diretto. Per la Spagna, sono partiti tutti e 15 i giocatori del roster, inclusi i reduci da infortuni Chris Burns, Sergio Rodriguez che ha giocato 11 minuti contro il Real Madrid, Kaleb Tarczewski che è uscito  nel finale della gara con il Real per un problema alla caviglia.

COACH ETTORE MESSINA – “Purtroppo stiamo lottando per la nostra sopravvivenza sportiva e restare agganciati alla corsa per i playoff. Veniamo da una partita contro il Real Madrid giocata molto bene per gran parte del suo svolgimento. E’ quello che dovremo fare anche a Valencia contro una squadra molto aggressiva, ma con l’intento di essere più efficaci di quanto siamo stati sia a Kaunas che con il Real Madrid, nel caso fosse anche questa una partita tirata”.

GLI ARBITRI – Boris Rhyzhyk (Ucraina), Damir Javor (Croazia), Emil Mogulkoc (Turchia).

L’AVVERSARIO – La stella di Valencia è da anni Bojan Dubljevic, ala-centro montenegrino che segna 14.0 punti a partita con 6.6 rimbalzi, ha il 59.6% da due e l’81.0% dalla lunetta. Nella partita di andata aveva segnato 20 punti nel primo tempo. Sam Van Rossom, assente nelle ultime gare per infortunio ma Valencia lo aveva dato per recuperato prima di andare in Francia, e Quino Colom si dividono le responsabilità in cabina di regia e distribuiscono quasi nove assist a partita in coppia. Van Rossom è anche un tiratore micidiale. Nel back.court c’è anche il serbo Vanja Marinkovic, 22 punti al Fenerbahce due settimane fa. Valencia ha tanti giocatori spagnoli rilevanti, oltre a Colom: Alberto Abalde (7.2 di media), Guillem Vives (14 punti a Villeurbanne), il 36enne Fernando San Emeterio e Joan Sastre, guardia che ha segnato 22 punti complessivi nelle ultime due uscite. L’ala francese Louis Labeyrie (4.5 rimbalzi, secondo di squadra) e il saltatore Maurice N’Dour (6.0 punti, 58.5% da due) garantiscono atletismo, Mike Tobey è un centro duro che non disdegna il tiro da tre, come anche Brock Motum (38.7%), Jordan Loyd è l’esterno creativo che però ha saltato per infortunio le ultime partite. Pericoloso è anche l’esterno olandese Aaron Doornekamp che occasionalmente è stato decisivo.

LA PARTITA DI ANDATA - L’Olimpia ha vinto 78-71 costruendo il successo attraverso un parziale di 14-0 tra secondo e terzo periodo che le ha permesso di scavare 10 punti di vantaggio nella ripresa. Valencia è rientrata fino a meno tre, con le triple di Sam Van Rossom e Louis Labeyrie. Nel finale, Micov e Scola hanno fatto conservato il vantaggio per Milano in una partita in cui Kaleb Tarczewski ha piazzato una doppia doppia e Amedeo Della Valle pareggiato il suo record carriera di 15 punti. I 20 punti di Bojan Dubljevic sono stati segnati tutti nel primo tempo.

I PRECEDENTI VS. VALENCIA – L’Olimpia ha giocato cinque volte nella sua storia contro Valencia con bilancio favorevole, 3-2. Nella stagione 2010/11 l’Olimpia vinse a Valencia 80-69 con 26 punti di Jonas Maciulis, 18 di Marjonas Petravicius e 17 di David Hawkins. Nel ritorno, che però si giocò a Biella, Valencia si prese la rivincita vincendo 75-60 con 20 punti di Rafa Martinez. Due anni fa, l’Olimpia ha vinto 103-98 dopo due tempi supplementari a Valencia rientrando da meno 17 nel terzo periodo, segnando 17 triple, record di squadra. Nella partita di ritorno, a Desio, Valencia vinse 93-89. In quella circostanza, Vlado Micov segnò 27 punti, record personale in EuroLeague. Nella partita di andata di questa stagione, l’Olimpia ha vinto 78-71 con 15 punti di Amedeo Della Valle, 13 e 10 rimbalzi di Kaleb Tarczewski, 10 e otto assist di Sergio Rodriguez.

LA VALENCIA CONNECTION – Sam Van Rossom ha giocato in Italia a Pesaro, ma in prestito dall’Olimpia per cui però non ha mai giocato. Nemanja Nedovic, di rientro dall’esperienza NBA a Golden State, ha giocato un anno a Valencia con 32 presenze in campionato, cinque in EuroLeague e otto in Eurocup. Era la stagione 2014/15.