Burns: "Cara Cantù, è stato speciale. Ma domani voglio vincere"

Il grande ex attende la sfida contro l'Acqua San Bernardo di domani pomeriggio
08.12.2018 13:23 di Fabio Cavagnera Twitter:   articolo letto 798 volte
Christian Burns
© foto di Alessia Doniselli
Christian Burns

La sconfitta di giovedì con Gran Canaria ha lasciato l’amaro in bocca in casa Olimpia Milano, ma è tempo di voltare pagina e di pensare al campionato, che fa il suo ritorno domani pomeriggio con la partita più sentita dai tifosi, il derby con Cantù. Una gara sempre speciale, nonostante i 10 punti di distacco in classifica e due squadre con obiettivi completamente opposti: lo scudetto per i biancorossi, la salvezza (anche fuori dal campo) per i brianzoli, che per l’occasione utilizzeranno un’inedita maglia biancoverde e faranno debuttare il nuovo sponsor Acqua San Bernardo.

Non ci saranno novità, invece, per quanto riguarda l’AX, che riavrà anche in campionato Della Valle, attende il rientro (abbastanza vicino) di Nedovic e dovrà lasciare fuori uno straniero per turnover, con la classica probabilità dell’esclusione di uno tra Gudaitis e Tarczewski. Chi vivrà un pomeriggio particolare sarà Christian Burns, al primo ritorno da avversario sul campo canturino, dove ha giocato nel corso dell’ultima stagione, chiudendo in doppia doppia di media (14.2 punti e 10 rimbalzi) e mettendosi in luce, guadagnandosi la chiamata da parte dei campioni d’Italia.

Cantù è stato un luogo speciale dove giocare, ho avuto un ottimo rapporto con i tifosi e sono molto soddisfatto del periodo in cui sono stato da loro – le sue parole a Basketissimo - Vedremo come mi accoglieranno, ma per noi è una partita molto importante e vogliamo vincere”. Perché la partita è molto sentita anche in casa milanese, ancor di più dopo quell’inatteso ko europeo: “E’ stata una brutta sconfitta, perché era una partita che dovevamo vincere. Ma ora pensiamo a Cantù: è un derby e dobbiamo dare tutto sul campo”. Per restare imbattuti e riportare il sorriso in casa Olimpia.