Da Goudelock a M’Baye: i tricolori che sono a caccia di una squadra

Facciamo una panoramica sugli ex dell'Olimpia, diventati meno di un mese fa campioni d'Italia
12.07.2018 11:26 di Fabio Cavagnera Twitter:   articolo letto 2972 volte
Da Goudelock a M’Baye: i tricolori che sono a caccia di una squadra

Come abbiamo detto e ripetuto più volte, la nuova Olimpia Milano è quasi fatta e si attende la risposta di Mike James per chiudere (a meno di colpi a sorpresa) il roster, con una buona dose di ottimismo sulla fumata bianca per questa lunga trattativa, ed oggi il playmaker ha dato l'addio al Panathinaikos via social network. Ma dove sono finiti i giocatori, diventati meno di un mese fa campioni d’Italia, con contratto scaduto e che non rientrano più nei piani di Pianigiani? Sono ancora tutti alla ricerca di una squadra, con l’eccezione del trasferimento di Marco Cusin a Torino, un giocatore che, tuttavia, sarebbe rimasto, se non avesse chiesto lui la cessione.

Il pezzo pregiato più importante è, sicuramente, Andrew Goudelock: l’MVP dell’ultima finale scudetto non resterà, visto che i piani sono altri, ma non ci sono (al momento) trattative calde per l’acquisto del ‘Mini Mamba’, anche se si era parlato tempo fa di ipotesi cinesi. E’ nella stessa situazione anche Jordan Theodore, il quale ha pagato l’infortunio post Coppa Italia e la successiva esclusione per tutti i playoff. Sta anche lui cercando l’occasione giusta per trovare una nuova squadra e rimettersi sul palcoscenico europeo, preferibilmente con una squadra di Eurolega.

Il più vicino ad una soluzione personale è Awudu Abass, attualmente impegnato con Oklahoma City nella Summer League di Las Vegas, per il quale la trattativa con Brescia appare prossima alla conclusione. La stessa Leonessa è interessata anche ad Amath M’Baye, sul quale però appare forte la volontà della Virtus, anche se il francese spera ancora in una chiamata in Eurolega. Spente le sirene di Avellino, per Davide Pascolo si continua a parlare di un possibile ritorno a Trento, mentre andrà probabilmente all’estero Mantas Kalnietis: Ulm e Villeurbanne sono sulle sue tracce.