Finale 2018: l’Olimpia di nuovo a Trento per il riscatto e l’allungo

Stasera il quarto capitolo della serie scudetto, i biancorossi cercano il punto del 3-1
11.06.2018 11:29 di Fabio Cavagnera Twitter:   articolo letto 933 volte
Vlado Micov
© foto di Alessia Doniselli
Vlado Micov

Quarto episodio della finale scudetto (ore 20.45, diretta Rai Sport HD, Eurosport 2 e Radio Polis), ancora alla BLM Group Arena: dopo la brutta prestazione di due giorni fa, l’Olimpia Milano vuole il riscatto e l’allungo nella serie tricolore. Ma non sarà per nulla semplice, visto che la Dolomiti Energia Trento ha preso fiducia dal successo di gara 3 e giocherà con la carica del pubblico amico, in un palazzo dove non perde dallo scorso mese di gennaio ed ha vinto cinque partite su cinque disputate nel corso di questi playoff. Praticamente un fortino inespugnabile in questo 2018.

Come detto da Pianigiani e dagli stessi giocatori, mantenere la calma sarà un elemento chiave della partita di questa sera. Gli uomini di Buscaglia giocano sempre al limite in difesa, mettendo le mani addosso ed il compito dei biancorossi sarà quello di restare tranquilli, non facendosi innervosire ed irretire dal gioco degli avversari. Due giorni fa ne hanno pagato le conseguenze, in particolare, Goudelock (mai mentalmente entrato in partita, dopo i due falli nel primo quarto), Tarczewski (in lotta con Hogue) e Micov (squalificato per un calcio ad una sedia a fine partita, ma stasera ci sarà, con lo stop trasformato in ammenda). Tre giocatori importantissimi per l’EA7-Emporio Armani.

Ovviamente a Milano servirà ritrovare anche la mano al tiro dei tre suoi leader offensivi, perché replicando i 65 punti realizzati sabato sera sarà quasi impossibile portare a casa la partita. E tornare al Forum sul 2-2 potrebbe essere mentalmente pericoloso, anche se gli ultimi due scudetti (2014 e 2016) sono arrivati proprio dopo un 2-0 diventato parità. Per i biancorossi sarà importante resistere al probabile tentativo di sfuriata iniziale dell’Aquila, per poi provare a sfruttare la maggiore profondità del roster nel quarto periodo, dove i padroni di casa hanno mostrato di soffrire.