I rischi Olimpia, l’esempio Cinciarini e la solitudine di Tarczewski

Il punto sui biancorossi, dopo la sconfitta sul campo di Brescia
22.04.2019 12:26 di Fabio Cavagnera Twitter:    Vedi letture
© foto di Alessia Doniselli
I rischi Olimpia, l’esempio Cinciarini e la solitudine di Tarczewski

L’Olimpia Milano ha trovato la sconfitta di Brescia nell’uovo di Pasqua. Il ko non fa particolarmente male per la classifica, viste le incertezze di Venezia, ma conferma le difficoltà dei tricolori tra scarsa brillantezza ed anche un po’ di superficialità, forse pensando di poter comunque vincere con il minimo sforzo. Un pensiero molto rischioso in questa fase della stagione, contro squadre che si giocano la ‘vita’, ed ancor di più nei playoff, quando sbagliare potrebbe diventare fatale. Soprattutto se dovesse arrivare nei quarti un’avversaria in grandissima forma.

In questo ambito, le rotazioni corte rischiano di eliminare il potenziale vantaggio dell’AX su buona parte delle rivali per il tricolore, anche se, ripetendoci per l’ennesima volta, se le risposte dei vari Della Valle, Fontecchio e Omic sono quelle di Brescia nei minuti sul parquet, difficile pensare di tenerli troppo in campo. Chi continua a non steccare, invece, è Cinciarini: il capitano trova sempre il modo di rendersi utile, siano pochi minuti oppure molti (34) come sabato sera. E’ lui l’esempio da seguire per uscire dall’evidente crisi di fiducia, in cui sono finiti gli altri giocatori italiani.

A proposito di rotazioni, la situazione lunghi è abbastanza preoccupante. Con il grave infortunio a Gudaitis, un Omic non in grado di dare un contributo solido ed un Burns ora in difficoltà fisica, ma comunque più adattato al ruolo per i suoi 203 centimetri, c’è il solo Tarczewski a poter essere un baluardo importante vicino ai tabelloni. E se all’americano venisse un’influenza o un piccolo acciacco che, con il ritmo playoff, potrebbe voler dire anche saltare due o tre partite? Forse pensare ad una ‘polizza’ per la post-season in quel ruolo potrebbe essere un’idea non peregrina.