Micov e l'Eurolega: “Milano è carica e fiduciosa. Playoff? Servirà tempo”

Domani inizia l'Eurolega dei biancorossi sul campo del Cska, le sensazioni del giocatore serbo
 di Fabio Cavagnera Twitter:   articolo letto 1028 volte
Vladimir Micov
Vladimir Micov

L’Olimpia Milano è partita questa mattina per Mosca, dove domani sera (ore 19 italiane) farà il suo debutto in Eurolega contro il Cska. Un inizio di fuoco per un anno chiave per i biancorossi, chiamati finalmente a recitare un ruolo da protagonisti anche fuori dai confini italiani, dopo le ultime disastrose stagioni. Tra i nuovi arrivati, l’uomo di maggior esperienza è sicuramente Vlado Micov, che di battaglie europee ne ha vissute molte, alcune proprio con la squadra russa, con cui ha raggiunto due Final Four. Lo abbiamo intervistato, per conoscere le sue sensazioni di inizio stagione.

Quattro partite e quattro vittorie, un buon viatico per iniziare la stagione
Abbiamo iniziato molto bene, con il successo in Supercoppa ed abbiamo poi vinto le due partite di campionato, anche se domenica abbiamo sofferto un po’ contro Varese e non abbiamo giocato la nostra miglior partita. La cosa più importante era però portare a casa i successi, poi ci servirà un po’ di tempo per trovare la giusta chimica. Siamo una squadra nuova, con un allenatore nuovo e non è facile essere sempre brillanti”. 

Quali sono le prime sensazioni di questa nuova avventura a Milano?
Ho giocato in Italia prima e mi ero trovato bene. Ora Milano ha aperto una nuova era e sono contento di farne parte. Sono in un grande club con un’ottima organizzazione: la migliore in Italia, ma dovremo ovviamente mostrarlo in campo”.

Domani inizia l’Eurolega, dove potrà arrivare l’Olimpia?
Ci servirà del tempo per capire dove possiamo arrivare. Inizieremo contro Cska e Fenerbahce, probabilmente le due migliori squadre d’Europa, ma le vittorie in Supercoppa e campionato ci hanno dato la giusta carica e fiducia, anche se l’Eurolega è una competizione completamente diversa, contro avversarie più forti. Per questo non mancheranno i momenti difficili, ma cercheremo di superarli e di dare sempre il nostro meglio”.

L’Olimpia ha il talento e gli uomini necessari per poter puntare ai playoff? 
E’ molto difficile dirlo adesso. Siamo una squadra completamente nuova ed alcuni giocatori sono arrivati solo poco tempo fa, dopo aver partecipato ad Eurobasket. Sicuramente ci proveremo, ma solamente tra un po’ di tempo sapremo dove potremo arrivare”.

L’inizio è durissimo: la trasferta a Mosca, contro una delle principali candidate alla vittoria finale. 
Ho giocato due belle stagioni a Mosca, ho disputato due Final Four e non molti giocatori possono dire la stessa cosa. Il Cska è probabilmente la squadra più forte, la favorita. Noi avremo probabilmente differenti rotazioni, con il rientro dei giocatori sinora non impegnati in campionato. Loro non hanno cambiato moltissimo, ma hanno perso il loro miglior giocatore (Teodosic, ndr), sostituendolo però con un altro big d’Europa come Rodriguez. Dovremo dare il massimo, poi vedremo solo alla fine quale sarà il risultato”.