Olimpia, futuro già programmato: tanti contratti e pochi ritocchi

Diamo uno sguardo ai contratti dei giocatori biancorossi verso il mercato
18.04.2019 13:59 di Fabio Cavagnera Twitter:    Vedi letture
© foto di Alessia Doniselli
Olimpia, futuro già programmato: tanti contratti e pochi ritocchi

L’Olimpia Milano sta lavorando verso la trasferta di sabato a Brescia ed i playoff, dove andrà a caccia del suo 29° scudetto. Ma in società si sta già pianificando il futuro, per cercare l’anno prossimo di dare un assalto più concreto in Eurolega oltre a mantenere la leadership italiana. Sia coach Simone Pianigiani che il presidente Livio Proli hanno più volte ribadito l’idea di effettuare solamente pochi ritocchi nel corso della prossima estate, mantenendo gran parte del nucleo di questa stagione. Al di là di quello che accadrà a livello societario, con il possibile cambio nella presidenza.

Dando uno sguardo ai contratti in essere in casa biancorossa, buona parte del roster ha già un accordo anche per la prossima stagione: Tarczewski, Della Valle, Fontecchio (con uscita), Burns, Brooks, Nedovic, James e l’ultimo acquisto Nunnally sono tutti sotto contratto anche per la stagione 2019/20. Da aggiungere a questi giocatori ci sono Gudaitis, Micov e Cinciarini: il centro toglierà l’escape NBA per questa estate, dopo il grave infortunio che gli ha fatto terminare in anticipo la stagione, mentre per gli altri due è in arrivo il rinnovo, ufficializzato solamente a fine stagione.

Di conseguenza, i giocatori con scadenza secca a fine anno sono solamente Curtis Jerrells e Mindaugas Kuzminskas, oltre a Omic (arrivato a gennaio come ‘tampone’, per i problemi fisici di Tarczewski e poi di Gudaitis, ed ai saluti): difficile possano restare nuovamente in maglia AX Armani Exchange nella prossima stagione, soprattutto il playmaker, dopo anche la bacchettata pubblica fatta dallo stesso Proli, commentando la stagione europea. “Verranno fatti al massimo due o tre ritocchi”, così si è espresso il presidente anche ai microfoni di Eurosport sabato scorso, appunto i sostituti di questi due giocatori, più un’eventuale aggiunta per dare maggiore profondità al roster in una stagione con più partite in programma rispetto a quest'anno, visto l’aumento a 18 squadre di Eurolega e (forse) campionato.