Olimpia, una volata lunga due mesi. E Nedovic scalpita: “Sono pronto”

I biancorossi sono in piena corsa per i playoff, mentre oggi è stato operato Gudaitis
09.02.2019 13:26 di Fabio Cavagnera Twitter:   articolo letto 2090 volte
Olimpia, una volata lunga due mesi. E Nedovic scalpita: “Sono pronto”

L’avevamo detto a metà gennaio, nel momento di massima difficoltà: per restare in corsa per i playoff, l’Olimpia Milano avrebbe dovuto fare bottino pieno tra Zalgiris, Gran Canaria e Darussafaka. Il tris è arrivato e la squadra di Pianigiani è nella mischia, con tutte le carte in regola per provare ad entrare nelle prime otto, nonostante i continui problemi di infortuni e le condizioni fisiche non ideali di molti giocatori. A questo proposito, oggi è stato operato Arturas Gudaitis all’ospedale San Gerardo di Monza, per la ricostruzione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro. Inizia il lungo percorso, che lo rivedrà in campo la prossima stagione.

Per quella in corso, ci dovranno pensare gli altri suoi compagni a provare a fare bottino pieno in Italia e continuare la corsa europea. Tra cui Nemanja Nedovic, in campo per qualche minuto domani contro Pesaro: “Sono pronto – le sue parole a Basketissimo – Ho lavorato molto in questo mese, sono tornato ad allenarmi con i compagni e sono entusiasta di tornare in campo”. Proprio alla vigilia della Final Eight di Coppa Italia: “E’ la possibilità di vincere un trofeo. Tutti vogliamo e dobbiamo essere pronti per questo appuntamento. E’ molto importante vincere tutto in Italia”.

Tornando sull’Eurolega, sarà una volata lunga poco meno di due mesi: guardando la classifica, potrebbero bastare una quota di vittorie più bassa delle precedenti due stagioni, probabilmente 14 sarà il numero magico. Se così fosse, all’AX ne mancherebbero quattro e le partite segnate con il circoletto rosso sono le gare interne con Maccabi, Olympiacos e Panathinaikos, più la trasferta sul campo del Khimki. Ma in casa biancorossa non si vogliono fare calcoli: “Tutte le partite sono cruciali – chiude Nedovic, parlando poi del pubblicoIeri, quando avevamo bisogno, il pubblico ci ha spinto. E’ importante avere tante persone al tuo fianco, spero continuino a venire in massa”. Per spingere Milano nelle magnifiche otto.

(ha collaborato Ennio Terrasi Borghesan)