Eurolega, le pagelle di AX Armani Exchange Milano-Anadolu Efes

Brooks è il migliore, prove positive di Roll e White. In ombra Scola, affaticati e poco incisivi anche Rodriguez e Vlado Micov.
21.11.2019 22:42 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:    Vedi letture
Eurolega, le pagelle di AX Armani Exchange Milano-Anadolu Efes

Le pagelle di AX Armani Exchange Milano - Anadolu Efes Istanbul, decima giornata di Eurolega, terminata 81-76 per i turchi.

Mack 5.5 = fa tanto in difesa in avvio, in avvio di ripresa la ribalta quasi da solo ma nei momenti decisivi si perde più volte Larkin in difesa.

Micov 5.5 = Il tabellino è abbastanza pulito, ma in parte racconta una storia incompleta. Nel finale trema più volte con alcune incertezze, e la sensazione è quella di un momento di riposo che è necessario.

Biligha 6 = in difesa è fondamentale, esalta la squadra con un paio di giocate sopra il ferro, si guadagna tanti minuti per i problemi di falli di Tarczewski.

Moraschini ne

Roll 6.5 = tanta sostanza sui due lati del campo, con limitate responsabilità offensive è un giocatore dal grande valore aggiunto.

Rodriguez 6 = quando conta la mette spesso, ma non replica la prestazione brillante vista contro il Maccabi martedì.

Tarczewski 5.5 = lotta con coraggio e con alcuni movimenti interessanti a più riprese, ma a differenza delle ultime partite si gestisce male dal punto di vista dei falli, e l’Olimpia finisce col pagare caro questo aspetto.

Nedovic 5.5 = la sua partita, di fatto, non decolla mai perché la vive perennemente con problemi di falli.

Cinciarini ne

White 6.5 = impatto coraggioso, un fattore in attacco e in difesa. La strada è quella giusta per guadagnarsi più minuti e più spazio in questa squadra.

Brooks 7 = indiscutibilmente il migliore. A rimbalzo trasmette sicurezza e determinazione, e spesso paga i mancati box-out dei compagni. In difesa è eccezionale, in attacco si conferma tiratore affidabile (anche se forse dovrebbe essere più coraggioso.

Scola 5 = non è la sua partita, dopo le prodezze messe in scena 48 ore fa. Soffre la mobilità dei 4 avversari, non riuscendo a punirli in attacco.

MESSINA: "ORGOGLIOSO DEI RAGAZZI. LA DIFFERENZA? DUE TIRI". E RODRIGUEZ...