Bene Trento, Sassari e Varese, Avellino show, finalmente Capo

Le altre partite della domenica di Serie A
 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:   articolo letto 255 volte
Bene Trento, Sassari e Varese, Avellino show, finalmente Capo

TheFlexx Pistoia - Banco di Sardegna Sassari 69-80

Torna alla vittoria il Banco di Sardegna Sassari, che coglie la prima vittoria dell’era Markovski e si rilancia in chiave playoff.

A Pistoia il primo tempo è di marca toscana: la squadra di Esposito, a caccia della vittoria per garantirsi la salvezza, vola anche a +11 nel primo quarto e chiude il primo tempo avanti di 8. Nel terzo quarto però si sblocca Hatcher, che firma 15 punti in 10’ e firma da solo il parziale del sorpasso sardo. La Dinamo non si guarda più indietro, e nell’ultimo periodo controlla agevolmente per un successo che riapre la corsa alla postseason.

Pistoia: Gaspardo 13, Moore 12, Mian, McGee 10

Sassari: Hatcher 20, Boston 16, Bamforth 14

Sidigas Avellino - Vuelle Pesaro 103-81

Vita facile per la squadra di Sacripanti, che segna ben 59 punti nel primo tempo producendo una prestazione offensiva in linea con la partita di domenica scorsa contro Cremona, e rimanendo in corsa per migliorare la sua posizione playoff.

Pesaro fa quel che può, restando fino sul -6 in avvio di ripresa dopo un primo tempo nel quale i marchigiani avevano saputo reagire ai vari tentativi di allungo degli irpini: decisivo è un parziale di 23-6 con cui Avellino chiude il terzo quarto rendendo gli ultimi 10’ puro garbage time.

Per una Sidigas che tira 14/27 da 3 punti, l’MVP è un ottimo Jason Rich: 31 punti (12/18 dal campo) in soli 22’. 14 per Scrubb e 14 rimbalzi per un Shane Lawal che ha dato segnali positivi, rimanendo in campo per ben 23’ (più di tutti i suoi compagni). A Pesaro non bastano i 24 di Clarke e i 22+9 del solito Mika.

Avellino: Rich 31, Scrubb 14, Fitipaldo 12.

Pesaro: Clarke 24, Mika 22, Bertone e Braun 12.

Openjobmetis Varese - Grissin Bon Reggio Emilia 80-73

Nono successo nel girone di ritorno per l’Openjobmetis Varese, che entra ufficialmente in zona playoff al termine di una partita divertente contro Reggio Emilia, che al contrario vede sempre più allontanarsi la possibilità di giocare la postseason.

Varese parte in avvio con un ritmo frastornante, con la squadra di Menetti che nel primo quarto tocca anche il -20. La Reggiana però non si perde d’animo, e dopo essere finita nuovamente a -18 piazza un parziale tra secondo e terzo quarto di 26-7, che vale il primo vantaggio della partita al 26° con la tripla di James White.

Reggio chiude avanti di 5 il terzo quarto, e a 4’ dalla fine è ancora avanti per 65-69 con la tripla di Chris Wright. Tripla che però è l’ultimo canestro dal campo della partita della Grissin Bon, con Varese che termina l’incontro con un parziale di 15-4 che regala alla squadra di Caja la tredicesima vittoria stagionale.

Varese: Avramovic 21, Cain 15, Okoye 14

Reggio Emilia: J Wright 17, C Wright 16, White 14.

Vanoli Cremona - Dolomiti Energia Trentino 89-96

Quarto successo consecutivo e ottavo nelle ultime nove partite per la Dolomiti Energia Trentino, che sul campo di Cremona -a cui non basta la tripla doppia di Sims, con 20 punti, 13 rimbalzi e 11 falli subiti- si impone al termine di una partita condotta per quasi tutti i 40’ e continuando a credere alle sue ambizioni di alta classifica.

Dopo un primo quarto equilibrato, Trento prova a scappare via in apertura di seconda frazione, con un parziale di 19-3 che porta la squadra di Buscaglia sul +16. La Vanoli però non molla, rispondendo con un parziale di 14-3 che vale il -5: ma è un fuoco di paglia, perché Trento chiude avanti di 10 il primo tempo e di 17 il terzo quarto, tenendo le mani ben salde sul manubrio della partita.

La Vanoli non si arrende, ma non riesce ad andare oltre il -6 toccato negli ultimi minuti con la quarta tripla di serata di un buon Simone Fontecchio: la Dolomiti Energia chiude i conti con Gutierrez -che guida sei giocatori in doppia cifra, oltre alla tripla doppia di Sutton che chiude con 14+12+10 falli subiti- confermandosi al 5° posto in classifica; Avellino dista ancora due vittorie, ma Trento chiuderà la sua Regular Season proprio contro gli irpini.

Cremona: Sims 20, Fontecchio 18, Johnson-Odom 17

Trento: Gutierrez, Silins 15, Sutton 14, Shields 13

Happy Casa Brindisi - Betaland Capo d’Orlando 74-75

Dopo 14 sconfitte consecutive si sblocca la Betaland Capo d’Orlando, che viola in volata il parquet di Brindisi inguaiando i pugliesi, visto il 2-0 a favore negli scontri diretti.

Al PalaPentassuglia si parte in ritardo: a causa della rottura del tabellone si deve ricorrere a cronometro e tabellone manuale. Parte bene in avvio Capo d’Orlando, con Knox che segna 13 dei primi 20 punti di squadra. La Betaland si mantiene avanti per larga parte del primo tempo, continuando ad affidarsi al lungo ex Fortitudo. Brindisi paga il brutto infortunio a Moore, ma chiude sul +1 il primo tempo.

Nel terzo quarto Brindisi prova a scappare via, toccando il +8, ma Atsur tiene a galla i siciliani, che dopo 30’ sono sotto di 4 punti. Nell’ultimo quarto la squadra di Vitucci prova ad allungare, ma Capo d’Orlando riesce a ricucire e grazie a uno 0/2 ai liberi di Mesicek ha in mano il pallone per la vittoria. Un glaciale Stojanovic serve a Knox il pallone del +1, e dall’altra parte Brindisi non riesce ad andare al tiro: è vittoria per i siciliani.

Brindisi: Giuri 17, Suggs 12, Mesicek 11

Capo d’Orlando: Knox 27, Smith 14, Likhodei, Faust 10