Brescia, è una corsa inarrestabile. Ma dove può arrivare la Leonessa?

La grande partenza della Leonessa, ora arrivano gli 'esami scudetto'
 di Fabio Cavagnera Twitter:   articolo letto 271 volte
La gioia di Brescia
La gioia di Brescia

Nove partite e nove vittorie, quattro punti di vantaggio sulle seconde ed una serie di record societari riscritti ogni settimana: la Leonessa Brescia non si ferma più e continua la sua magica corsa solitaria in campionato. Ormai non si può definire la squadra di Diana una sorpresa, ma una splendida realtà di alta classifica: i lombardi hanno vinto alcune partite in maniera larga, hanno saputo soffrire, rimontare e vincere in volata, sia in casa che in trasferta. Le Final Eight sono già in tasca, i playoff difficilmente scapperanno, ma potrà lottare fino in fondo contro le grandi del campionato?

La risposta vera a questa domanda arriverà solamente a maggio, magari già a febbraio con l’appuntamento di Firenze, ma nelle prossime settimane arriveranno degli esami di laurea. Già la gara di sabato prossimo contro una lanciata Sassari (seppur reduce da una trasferta infinita in Russia) sarà il test ‘da dieci e lode’, poi arriveranno in serie le partite contro le due grandi favorite per lo scudetto: prima i campioni d’Italia dell’Umana Venezia arriveranno a Montichiari, poi, sotto l’albero, ci sarà il derby lombardo più atteso, quello contro l’Armani Milano al Forum.

Comunque vadano le partite precedenti, Moss e compagni arriveranno all’ombra della Madonnina da primi in classifica e nessuno, nemmeno il più ottimista dei tifosi della Germani, ci avrebbe scommesso un euro all’inizio del campionato. Se la Leonessa continuerà a ruggire e supererà indenne (o lottando fino alla fine) anche queste due prove, allora sarà davvero l’ora di considerarla una contender per il titolo. Nel frattempo, l’ambiente non ha alcuna intenzione di svegliarsi dal sogno, anzi, ieri al PalaDesio si è sentito risuonare il coro “Vinceremo il tricolor”...