Colpo Cantù, Bologna e Sassari "vedono" la F8, ok Pistoia e Reggio

I risultati delle altre partite del quattordicesimo turno
06.01.2019 22:39 di Paolo Terrasi Twitter:   articolo letto 577 volte
Colpo Cantù, Bologna e Sassari "vedono" la F8, ok Pistoia e Reggio

Fiat Torino-Acqua San Bernardo Cantù 96-106 (dopo supplementare)
I Brianzoli ottengono la loro seconda vittoria consecutiva espugnando il PalaVela: l'Auxilium continua il suo momento negativo con la sua terza sconfitta di fila. L'equilibrio regna sovrano in piemonte, con nessuna delle due squadre mai avanti di oltre due possessi, fino al 91 pari finale con Dallas Moore che risponde ad Udanoh. Nell'extra time finisce il gas per i padroni di casa, che subiscono il 15-5 di parziale che consegna il referto rosa agli ospiti, guidati dai ventelli di Frank Gaines (26 con 5 triple a bersaglio) e Davon Jefferson (22 con nove rimbalzi). Sugli scudi per Torino Carr con 21 punti a referto.

Virtus Segafredo Bologna- Germani Basket Brescia 88-80
Finisce la corsa per Firenze per Brescia, continua quella della Segafredo, che però avrà bisogno di risultati favorevoli oltre ad una vittoria a Varese nel prossimo turno. I Lombardi battono un colpo soltanto nel terzo quarto, con le V nere che conducono la gara per la maggior parte della contesa. Turno "di riposo" per Punter, che con sette punti (1/6 da dietro l'arco) lascia le glorie offensive a Taylor, MVP con 22 punti e 3/3 dalla distanza. Per la Leonessa ci sono 4 uomini in doppia cifra, guidati dai 16 di Jared Cunningham, ma non bastano. 

Banco di Sardegna Sassari-Alma Trieste 102-97
Sudano fino alla fine i sardi per conquistare un successo chiave in ottica Coppa Italia: dopo aver condotto anche di 20 lunghezze, negli ultimi 15 minuti Trieste piazza un parziale di 32-47 che le permette di arrivare fino al -4 a 10 secondi dalla fine. Scampato pericolo per Sassari, che vede Firenze molto più vicina grazie al terzo successo consecutivo, occasione sfumata per Trieste che sarebbe stata qualificata in caso di vittoria. Cooley e Bamforth (44 punti in due) danno battaglia a Fernandez Wright (47 pnti a referto cumulativi), con i primi che la spuntano. 

OriOra Pistoia-Openjobmets Varese 71-65
Si riscatta Pistoia, e torna alla vittoria dopo una astinenza di quattro gare prendendosi lo scalpo importante di Varese. Tutto merito del quartetto composto da Dominique Johnson (mattatore con 26 punti), LJ Peak, Kerron Johnson e Patrik Auba, che da soli realizzano gli stessi punti di una spenta Openjobmetis, che stecca malamente da lontano (25% da tre punti) e propone molto poco in attacco ad eccezione di Dominique Archie, ultimo ad arrendersi con 19 punti. 

Grissinbon Reggio Emilia-VL Pesaro 108-66 (a cura di Luca Sanibondi)
Concede il bis per la prima volta in questa stagione una brillante Reggiana che supera in scioltezza nel posticipo serale (108-66) Pesaro in quello che era già un autentico scontro salvezza. Sono punti preziosi che danno un minimo di continuità agli emiliani che stanno faticosamente cercando di togliersi dalle sabbie mobili del fondo classifica. Top scorer Aguilar (20). Partenza con le polveri bagnate su ambo i lati del parquet e match che fatica ad ingranare. Ma ci pensa Aguilar a dare la scossa sul finire della prima frazione imbucando tre triple in un amen e, supportato dalla buona verve di Candi e Rivers, a dare la prima decisa spallata alla contesa (25-15 al 10’). La difesa della GrissinBon è un aspirapolvere e lo spagnolo predica basket mettendo in ritmo anche i compagni. Reggio scappa e tocca il +25 già al ’17 con grande facilità e fiducia grazie al contributo di un tonico Ortner. Anche Gaspardo e De Vico partecipano alla festa offrendo punti e sostanza alla causa. La Vuelle, in grande difficoltà tecnica ed emotiva, va a piccoed è in completa balia degli avversari. Si va all’intervallo lungo con il match già morto e sepolto (57-29). Il secondo tempo serve solo per definire lo scout finale con la Reggiana che domina in lungo e in largo e sembra avere trovato finalmente la luce in fondo al tunnel della crisi in cui è invece nel bel mezzo Pesaro.