Venezia a valanga, rilancio Trento e Brescia. Super Pesaro, Varese ok

Tutte le altre partite della giornata di A
25.11.2018 23:11 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:   articolo letto 764 volte
Venezia a valanga, rilancio Trento e Brescia. Super Pesaro, Varese ok

Sidigas Avellino - Umana Reyer Venezia 49-79
Doveva essere una grande sfida alla pari, è stato un assolo. Venezia domina per 35’ sul campo di Avellino con una prova di forza che ne rilancia decisamente le ambizioni come principale contendente al trono dell’Olimpia: il roboante risultato finale la dice lunga su un match durato in equilibrio soltanto per i primi 5’. La Reyer dà il primo scossone con un 9-0 nella seconda metà del primo quarto, Avellino ha la forza di riportarsi a -3 in apertura di secondo periodo ma da quel momento un nuovo break dei lagunari (13-1) fa volare la squadra di De Raffaele, +18 all’intervallo. Nella ripresa il copione non cambia: nel terzo periodo la Sidigas segna soltanto 6 punti con la Reyer che dilata ulteriormente il suo vantaggio, chiudendo su un clamoroso +30 dopo essere arrivata anche a +37.
Avellino: Sykes 11, Cole 10, Filloy 10
Venezia: Watt 17, Haynes 15, Daye 10

Openjobmetis Varese - Happy Casa Brindisi 85-67
Quinta vittoria stagionale per Varese, che ferma la marcia di Brindisi agganciandola in classifica, con una prestazione che ne rilancia le ambizioni in chiave Final Eight di Coppa Italia. La squadra di Caja parte subito forte (anche +21 in avvio di secondo quarto) prima di subire il ritorno dei pugliesi che chiudono a -7 all’intervallo lungo. Varese spacca la partita con un 10-0 tra il 26’ e il 28’, che vale il +18  e l’ipoteca sul match: Brindisi non riuscirà mai a ricucire sotto la doppia cifra di svantaggio.
Varese: Scrubb 18 (10 rimbalzi), Avramovic 17, Cain 15 (12 rimbalzi)
Brindisi: Banks 18, Rush 15, Chappell 13

Dolomiti Energia Trentino - Banco di Sardegna Sassari 71-66
Seconda vittoria in campionato per Trento che arriva bene alla pausa, dopo un inizio terribile, trovando continuità dopo l’impresa di San Pietroburgo mercoledì. Sono quattro sconfitte di fila invece per Sassari, che scivola fuori dalla zona playoff. I padroni di casa tentano il primo allungo, dopo un inizio equilibrato, con un 18-2 tra primo e secondo quarto che vale il +12. Trento è stabilmente avanti anche nel secondo quarto, ed è nella terza frazione di gioco che c’è la fuga decisiva: un 7-0 che porta la squadra di Buscaglia anche sul +17. Sassari riesce a trovare la forza, nel finale, di tornare a -3 ma non basta, vince Trento.
Trento: Gomes 14 (10 rimbalzi), Pascolo 13, Marble 12
Sassari: Cooley 16 (10 rimbalzi), Petteway 12, Bamforth 10

VL Pesaro - Virtus Segafredo Bologna 89-86
Grande impresa di Pesaro, che centra la terza vittoria consecutiva candidandosi ufficialmente per un posto nelle Final Eight di Coppa Italia: adesso la squadra di Galli è in piena zona playoff con 8 punti, agganciando proprio la Virtus Bologna e Trieste in classifica. Alla Adriatic Arena va in scena un match avvincente, pieno di capovolgimenti di fronte: il +10 felsineo del 13’ è solo episodico, visto che la partita ha vissuto continui cambi al comando e colpi di scena. A regalare la vittoria alla Vuelle sono i soliti protagonisti: da segnalare la quinta doppia-doppia consecutiva (sesta stagionale) del lituano Mockevicius.
Pesaro: McCree 24 (13 rimbalzi), Mockevicius 19 (12 rimbalzi), Blackmon 19
Bologna: Kravic 22 (10 rimbalzi), Aradori 19, M’Baye 16.

Germani Brescia - Fiat Torino 83-76
Terza vittoria in campionato per la Germani Brescia, che dà seguito alla grande serata in Eurocup contro il Galatasaray rilanciando la sua classifica, contro una Torino invece giunta al quinto ko consecutivo in campionato. Partita che inizia in maniera scoppiettante: Torino parte meglio, ma Brescia dà un primo scossone con un parziale di 12-0. +6 per la Leonessa dopo 10’, con la squadra di Diana che tocca anche il +18 in un secondo quarto sconvolto dall’infortunio a Ceron. All’intervallo lungo Brescia è avanti di 15, ma Torino rientra bene dagli spogliatoi tornando a -5 prima di ritrovarsi sotto oltre la doppia cifra di svantaggio. La squadra di Brown ha un sussulto d’orgoglio, e ritorna a -5 con Carr e Wilson: tocca a Allen firmare i due canestri che riportano Brescia a distanza di sicurezza.
Brescia: Hamilton 13, Mika 11, Beverly, Abass e Allen 9
Torino: Moore e Carr 15, Portannese 12