Anthony Davis rinnova per cinque anni; scambio Wall-Westbrook

Per una stella che giura fedeltà, ce ne sono due che fanno le valigie: trattativa lampo tra Rockets e Wizards andata in porto
03.12.2020 17:01 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
Anthony Davis rinnova per cinque anni; scambio Wall-Westbrook

L’ultima grande notizia della free agency NBA è arrivata a poche ore di distanza dal prolungamento di contratto di LeBron James: Anthony Davis ha raggiunto un accordo con i Lakers, firmando un rinnovo di cinque anni da 190 milioni di dollari complessivi. A dare l’annuncio è stato il suo agente, Rich Paul, ad Adrian Wojnarovski di ESPN. Smentita quindi l'ipotesi di chi ipotizzava un accordo di due anni, con una player option per il terzo: l'ex Pelicans avrà una opzione per uscire dal contratto solo allo scadere del suo quarto anno. Davis, così facendo, rinuncia sia alla possibilità di uscire prima dal contratto per firmarne uno più ricco l'anno prossimo (quando avrà raggiunto i 10 anni di anzianità nella lega), e si lega ai gialloviola in modo netto, ben oltre la "finestra" di Lebron James, di cui presumibilmente raccoglierà il testimone una volta che il numero 23 avrà deciso di lasciare la California. 

L'altra notizia è che Houston Rockets e Washington Wizards, accogliendo le richieste delle rispettive point guard di cambiare aria, hanno deciso di scambiare Russell Westbrook per John Wall e una scelta protetta al primo giro al Draft 2023. Dopo settimane di tensione è giunto quindi al termine uno stallo che ormai si protraeva da metà novembre, con i rispettivi GM Tommy Sheppard e Rafael Stone che hanno portato avanti la trattativa per ore via telefono, prima di dirsi d’accordo a rendere ufficiale lo scambio. Uno scambio particolare, vista la reputazione in picchiata dei due giocatori e contemporaneamente i loro esosi contratti, oltre al fatto che entrambe le squadre hanno un'altra stella scontenta in rosa che tuttavia non era sul mercato (James Harden e Bradley Beal). Contrattualmente non cambia nulla (3 anni rimanenti per entrambi ad oltre 130 milioni complessivi), e mentre per Westbrook pesano gli scarsi risultati al tiro e l'età avanzata, per Wall pesa il minor pedigree e sopratutto l'assenza dai campi per infortunio da due anni pieni. Tuttavia, mentre il numero 0 ritrova Scott Brooks (suo mentore ad Oklahoma City), il numero 2 ritrova Demarcus Cousins suo compagno a Kentucky: basterà per aiutarli a rimettere in piedi due carriere pericolanti, o questo scambio è stato tanto rumore per nulla?