Hayward lontano da Boston; Houston, la situazione

L'ex Jazz sembra sempre più distante dai Celtics, mentre in casa Rockets muta lo scenario intorno a James Harden e Russell Westbrook
18.11.2020 15:31 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
Hayward lontano da Boston; Houston, la situazione

Uno dei nomi più interessanti tra quelli in possesso di una player option era quello di Gordon Hayward, tuttavia poco discusso a causa dell'improbabilità del rifiuto della stessa (34 milioni di dollari, per l'ex Jazz, sono una cospicua somma, alla luce di tutti gli infortuni patiti in epoca recente che ne hanno ridimensionato il valore). Desta quindi sorpresa il fatto che secondo Zach Lowe di ESPN, i Celtics ed il numero 20 hanno deciso di rinviare la decisione sulla opzione: probabilissimo che bolle in pentola uno scambio, ed infatti Chris Haynes di Yahoo ha subito riportato come gli Hawks ed i Pacers fossero sulle tracce dell'Ala di Butler per ottenerlo via Sign & Trade, con la squadra di Atlanta favorita. Il giocatore baratterebbe un cospicuo annuale per un triennale che garantirebbe maggiore sicurezza a lungo termine, la squadra della Georgia troverebbe un veterano esperto per aiutare lo sviluppo dei suoi giovani talenti, primo tra tutti Trae Young, mentre i Celtics ricaverebbero qualcosa dall'affare, visto che rischierebbero comunque di perdere Hayward a zero, visto lo spazio salariale degli Hawks.

Si era parlato anche di una trattativa per James Harden in cui sarebbe rientrato lo stesso Hayward, ma non hanno trovato fondamento suddette voci: il prezzo richiesto dai Rockets per il numero 13 è di una giovane stella e tante scelte al draft, prezzo che al momento sembra vicino alle "tasche" dei Sixers (qualora decidessero di mettere Ben Simmons sul piatto), mentre la volontà del giocatore è quella di andare a Brooklyn, sebbene senza dare garanzie di impegno per più di due anni. Una vera gatta da pelare per i Nets, che dovrebbero svenarsi per il barba, rischiando anche di ritrovarsi dopo soli due anni privi di stelle (anche Durant e Irving potrebbero uscire dal contratto nello stesso lasso di tempo) e futuro (come già successo nel 2013 nell'ambito della trattativa per Kevin Garnett). Diverso il discorso per Russell Westbrook: i pretentendenti sono pochi e non esattamente disposti a fare follie per il numero 0. CharlotteKnicksWashington hanno palesato interesse per l'MVP 2017, con i Wizards che pare abbiano sondato la possibilità di un scambio per John Wall: due grandi playmaker caduti in disgrazia con contratti pesantissimi. Wall è due anni più giovane di Westbrook, ma due anni è anche quanto tempo è passato dall'ultima partita giocata dall'ex Kentucky. La dirigenza texana, ad ogni modo, ha lasciato trapelare che non intende svendere i suoi All Star, essendo disposta a cominciare la stagione con entrambi a roster.