I giocatori ad Orlando con maglie personalizzate? la proposta

La NBA vuole venire in contro ai giocatori ed aumentare l'impegno sociale con una iniziativa parzialmente inedita: i dettagli
28.06.2020 16:52 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
I giocatori ad Orlando con maglie personalizzate? la proposta

La NBA non si tira certo indietro quando si tratta di impegno sociale, e per venire incontro ai numerosi giocatori preoccupati che il ritorno in campo possa distogliere le attenzioni dalle manifestazioni sociali che infiammano il paese, sta lavorando con la Nike ed il sindacato dei giocatori per permettere ai giocatori di avere sulle maglie, al posto dei loro nomi, dei messaggi sociali. 

Una via di mezzo tra le magliette con scritto "i can't breathe" messe durante il riscaldamento nel 2014, e le serate speciali con i soprannomi dei giocatori sulle maglie. Una proposta non nuova nel mondo dello sport, visto che nella Premier League di calcio (da sempre una musa ispiratrice per Adam Silver), i giocatori possono scegliere di avere la scritta Black Lives Matter sulle maglie al posto dei loro nomi. 

Chissà cosa ne pensa Ron Artest della proposta, nata dalla giocatrice WNBA delle Las Vegas Aces, Angel McCoughtry, che aveva chiesto di poter rimpiazzare il proprio nome con quello delle vittime della brutalità della polizia e dell’odio razziale in America: l'ex Lakers aveva cambiato nome in Metta World Peace per avere un messaggio sociale sulle maglie. Ad Orlando, potrebbe non essere necessario arrivare a tanto.