La sfida all'ultimo caffè in casa Miami Heat dentro la bolla

Malika Andrews di ESPN ci racconta probabilmente la storia più incredibile della bolla NBA: il bar aperto da Jimmy Butler ed i suoi rivali
29.09.2020 17:27 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
La sfida all'ultimo caffè in casa Miami Heat dentro la bolla

(Pezzo tradotto in italiano da ESPN, autrice Malika Andrews)

Nella bolla NBA, una tazza di caffè di qualità è difficile da trovare.

Il negozio di dolciumi nella hall di El Centro sulla strada per la struttura per allenamento - che offriva uno scuro amaro tostato - ha chiuso subito dopo l'arrivo dei giocatori all'inizio di luglio perché non attirava abbastanza clienti. Nello stesso mese, il bar nell'atrio della Torre Gran Destino - che preparava una delle tazze di caffè più gustose del campus - chiuse per lo stesso motivo.
Quando Jimmy Butler ha fatto il check-in nel suo hotel, non era interessato al caffè fatto con le cialde preconfezionate fornito con la stanza. Fortunatamente, la star dei Miami Heat aveva portato il suo setup, tra cui una macchina da stampa francese, un pour-over e un macinino.
Ovviamente, il 31enne, noto per essere uno "spirito libero" e particolare, non si è accontentato di prepararsi una tazza ogni mattina. Voleva trasformarlo in un piccolo affare. Così, Butler ordinò altra attrezzatura e scarabocchiò "Big Face Coffee" - un cenno a una barzelletta interna - con un pennarello blu su una lavagna e lo appese fuori dalla sua stanza. Quando il compagno di squadra Meyers Leonard ha pubblicato una foto del cartello fatto in casa di Butler su Twitter, Big Face Coffee è diventato virale.

Quello che era iniziato come una semplice dose di caffeina per Butler si è trasformato in uno scherzo in corso all'interno dell'organizzazione Heat - con Butler che offre caffè gratuito ai compagni di squadra che hanno una buona partita - e una fonte di intrattenimento che rompe la monotonia dei viaggi dall'hotel all'arena e ritorno.
"Ha un prezzo eccessivo per il caffè", ha detto il collega Heat All-Star Bam Adebayo. "Piccolo, medio, grande: sono tutti 20 dollari. Due piccoli sono 50 dollari." Nonostante i prezzi elevati, i giocatori continuano a tornare e spendere 20 dollari a botta. Il playmaker Goran Dragic va matto per i cappuccini. Il  veterano Udonis Haslem preferisce gli espresso. L'elemento più popolare nel menu di Butler? Il suo latte macchiato alla vaniglia.
"Li faccio con amore", ha detto Butler con un sorriso.
Ma quando Butler ha avviato la sua piccola impresa, Butler non sapeva che presto sarebbe scoppiata una gara di caffè nella bolla.
Era metà agosto e Big Face Coffee era in funzione da circa una settimana quando Brandon Gilliam, assistente preparatore atletico degli Heat da sei anni, ha individuato la necessità di un'opzione a prezzo inferiore.
"Il mio povero coordinatore video, non può permetterselo", ha detto Gilliam del caffè di Butler, facendo del suo meglio per reprimere un sorriso. "È sveglio tutte le ore della notte, scomponendo tutti i tipi di film. Sto solo cercando di farlo andare avanti e di tenerlo sveglio."
Un ulteriore vantaggio: scherzare con il fuoriclasse degli Heat.
Quindi, senza dirlo a Butler, Gilliam ha aperto il suo locale - Little Face Coffee - dalla sua camera d'albergo.
A differenza dello stabilimento di Butler, Gilliam offre solo caffè nero che fa con un apparecchio per il versamento e una macchina da stampa francese che aveva portato nella bolla per se stesso. Ogni tazza costa $ 5. Il primo è gratuito.
Gilliam ha persino inventato il suo slogan: "Il miglior piccolo caffè nella bolla. It's all about the grind" (Gioco di parole tra la macinazione del caffé e l'allenamento, NDT)
"Io dico [a Butler], 'Tu sei il tipo figo, fai mocaccini e frappe-latte'", ha detto Gilliam. "'Io faccio solo caffè nero, amico. Allora fammi avere il mio angolo.'" Butler, però, non sembra preoccuparsi della concorrenza. "Nessuno va laggiù al Little Face Coffee," lo prese in giro. "Big Face è il posto dove andare" La battuta di Butler non è del tutto precisa: i giocatori tendono a preferire il caffè di Butler, ma Gilliam ha detto di avere una base di clienti affidabile di allenatori e personale. Permette persino ai clienti di prepararsi il caffè quando non è "in servizio", lasciando la porta aperta, rendendolo un locale aperto a tutte le ore. La porta della camera d'albergo di Gilliam si è trasformata in una bacheca. Una recensione di "Jimmy B" dice: "Questi ragazzi sono bravi! Loro conoscono il caffè". Un altro di "Erik S." recita: "Sostengo le piccole imprese. Ho sempre tifato per i perdenti. Little Face Coffee è molto meglio delle grandi catene. È una famiglia!" C'è solo un problema. "Un giorno ci sono passato accanto e ho pensato: 'Non l'ho detto'", ha detto l'allenatore degli Heat Erik Spoelstra. "È un Erik S. diverso", ha scherzato Gilliam. Ovviamente Gilliam ha scritto ogni recensione.
Il Big Face Coffee è servito in tazze da asporto grigio antracite o guscio d'uovo con il logo di Butler su di esse - ha avuto tazze con il proprio marchio da quando ha giocato per i Chicago Bulls, secondo il suo agente, Bernie Lee. Little Face è ancora disponibile nelle tazze bianche standard che le pulizie riempiono.

Ma con la crescita della tradizione dei caffè nelle camere d'albergo, le configurazioni di Big Face e Little Face sono diventate più stravaganti.

Lee ha mandato a Gilliam 10 libbre di fagioli Dunkin 'Donuts. Quando la storia è cresciuta oltre la bolla, vari commercianti di caffè da tutto il paese hanno iniziato a inviare sacchi di fagioli a Butler. Lee ha detto che un venditore, che ha rifiutato di nominare, ha personalizzato una miscela Butler.

Potrebbe essere un'opportunità di business post-bolla: secondo Lee, la società ha una potenziale partnership che distribuirà fino a 1 milione di sacchi di caffè Butler in tutto il paese. Butler ha anche detto a Rachel Nichols di ESPN che potrebbe voler aprire un bar dopo essersi ritirato dalla NBA.

"Non ho capito il traffico del caffè prima", ha detto Lee. "Ci sono broker di fagioli, torrefattori - non ne sapevo niente. Sette chiamate su 10 che ricevo ora riguardano il caffè".
I rappresentanti di Butler hanno presentato documenti per i marchi relativi al nome e ai loghi di Big Face Coffee. I documenti depositati del 4 settembre mostrano che i marchi in sospeso includono il logo di Big Face Coffee, lo slogan di Butler “Niente pagherò“ (I.O.U.) e le parole "Big Face Coffee".

Lee ha detto che quando i documenti di Butler sono stati archiviati, altre tre persone avevano già tentato di presentare alcune rivendicazioni per i diritti di "Big Face Coffee". Gilliam ha detto di aver esplorato un marchio per "Little Face Coffee", ma non perché vorrebbe aprire una caffetteria dopo aver lasciato la bolla."Non voglio che una persona a caso faccia [Little Face Coffee] solo per competere con lui", ha detto Gilliam di Butler. Per ora, però, la rivalità nei bar offre sollievo comico alla squadra. È raro entrare in una pratica Heat o in una conferenza stampa post partita senza menzionare i negozi avversari.

"Va solo a dimostrare quanto siamo vicini come squadra, come staff, che ci divertiamo così tanto con tutto questo", ha detto Butler. "Abbiamo un po 'di concorrenza, ma è tutto gioco e divertimento. Ora, guadagno molti più soldi di quanti ne guadagni a Little Face Coffee, dovresti saperlo. Big Face è ancora quello giusto. Ma sai, è tutto amore. "
Dragic vuole essere il brand manager per entrambe le attività di caffè. Ha detto che sta facendo pressioni su entrambi i negozi per chiamare un drink “Il Drago“ - il suo soprannome. "Dovrebbe essere una bevanda che contiene spezie", ha detto durante un allenamento. Dragic - che ha aggiunto che sta ottenendo una "sponsorizzazione a vita" con Big Face Coffee - non è l'unico che vuole essere più coinvolto nel marchio. Adebayo ha proposto di ottenere una partecipazione nella società.

"Che ne dici di fare 25-25-50?" Chiese Adebayo, indicando se stesso, Dragic e Butler, rispettivamente. "Non sono bravo in matematica", ha risposto Butler. "So solo che ottengo il 100%, e allora voi ragazzi potete avere ciò che resta." Le battute spesso si ripetono nell'arena. Butler ha iniziato a giocare con magliette e cappelli "Big Face Coffee Owner". Dopo una partita recente, stava parlando della pagina di Yelp di Big Face Coffee disabilitata quando una guardia di sicurezza ha tentato di indirizzarlo all'autobus. "Aspetta," disse Butler alla guardia di sicurezza. "Questo è importante, sto facendo una campagna di marketing per Big Face Coffee".

Apparentemente tutti hanno un'idea su come espandere l'attività. Il novellino Tyler Herro non beve caffè ma spera che, alla fine, vengano offerti succhi di frutta freschi. Adebayo, nel frattempo, vorrebbe vedere i prodotti da forno nel menu. "Dovresti iniziare a fare le ciambelle", ha detto Adebayo a Butler dopo una partita recente. Butler era dubbioso, per non dire altro. "Come cazzo vuoi che faccia una ciambella, amico?"