Battaglia al Palapentassuglia: la difesa premia Milano

Anticipo della ventunesima: l'Olimpia vendica il KO dell'andata sbancando Brindisi al termine di una gara piena di parziali da entrambe le parti
01.02.2020 22:20 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
Battaglia al Palapentassuglia: la difesa premia Milano

Happy Casa Brindisi - AX Armani Exchange Milano 74-77

Successo per l'Olimpia in Puglia, al termine di una gara a diverse velocità da parte dell'Armani, che grazie ad una buona difesa nei momenti clou esce vittoriosa al termine di una gara piena di break e controbreak. 

La gara, dopo le infrazioni di 24 ed 8 secondi per ricordare Kobe Bryant, si apre con alti ritmi offensivi, con il quintetto Cinciarini-Rodriguez-Tarczewski-Micov-Scola che trova facilmente la via del canestro in avvio.  Brindisi trova il modo di andare avanti dopo i passi del capitano biancorosso, prima di venire ricacciata indietro da Nedovic. Brindisi trova la tripla di Banks in contropiede, portandosi avanti anche di 4: Milano pareggia grazie alla tripla di Nedovic. Il primo quarto si chiude col canestro di Sutton: tante palle perse per l’Armani, ma buona precisione al tiro.

Secondo quarto che vede Milano ancora più arrembante in attacco, trovando il 10-0 di parziale per il +8, massimo vantaggio ospite. Milano serra completamente la difesa nel secondo quarto, trovando anche il +12 e tenendo Brindisi ad un punto nei primi sei minuti. I padroni di casa si sbloccano, e coach Messina chiama subito il timeout per vederci meglio. La sospensione non ferma il buon momento dei padroni di casa, che riaprono la gara portandosi sul -5 a due minuti dall’intervallo. L’Happycasa trova con la tripla di Gaspardo il nuovo +2 sulla sirena dell’intervallo lungo. Secondo quarto altalenante con Milano che dopo il 12-0 in apertura subisce il 13-1 in chiusura, con Brindisi che a cronometro fermo rosicchia sempre più punti.

La ripresa inizia in modo nervoso, con le storie tese tra Martin e Rodriguez, con gli attacchi che ristagnano, con solo due punti per parte nei primi due minuti. Sykes si scalda e riporta Milano avanti con una tripla da oltre otto metri, ma Brindisi torna avanti grazie al regalo della difesa meneghina. L’Olimpia trova il rapido +6 grazie alle due triple consecutive; Brindisi trova quattro punti di fila, ma Milano continua a segnare da lontano trovando la tripla anche con Burns. Sykes e Cinciarini firmano il +10 a due minuti dalla fine del quarto, quando Banks prova a fermare l’emorragia con la bomba. L’ultimo break vede l’Olimpia avanti di sette punti, con una frazione più simile alla prima parte del secondo quarto che la seconda.

Ultimo quarto che si apre con l’antisportivo di Campogrande su Burns, mentre il punteggio rimane in equilibrio col +7 che rimane inizialmente: Milano trova il +9 a cinque minuti dalla fine, ma l’Happycasa ritrova il -2 in un amen. Il finale è incandescente, con gli airball di Micov e Banks, la difesa dura su ogni possesso, i liberi di Tarczewski e Banks. Tornano gli errori in attacco, con Brindisi che non ricuce e Milano che non trova il colpo del KO. Kaleb fa +5 a 100 secondi dalla fine, Banks spezza il digiuno su azione per il -3, poi arriva il -1 con i liberi di Brown, il gioco da 3 punti di Tar viene risposto dalla tripla di Stone a quaranta dalla fine. Rodriguez trova il +3 a 20 secondi dalla fine, timeout per Vitucci. La girandola dei liberi vede Martin e Rodriguez non sbagliare, Banks non trova la tripla e Milano esce vincitrice.