Virtus, il giorno dopo la Champions. Zanetti: “Dedicata ad Alberto Bucci”

Le dichiarazioni dopo il trionfo di Anversa.
06.05.2019 13:56 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:    Vedi letture
Virtus, il giorno dopo la Champions. Zanetti: “Dedicata ad Alberto Bucci”

È un lunedì dolcissimo per la Virtus Bologna, che spazza via la delusione di una stagione italiana complicata e deludente. La vittoria in Champions League dopo la finale con Tenerife, oltre a comportare il primo successo italiano nella manifestazione (e primo dei felsinei in Europa dal 2009), porta nelle casse della società un ricco premio da un milione di euro e la qualificazione alla prossima Coppa Intercontinentale, rendendo le Vu Nere la prima squadra italiana a giocare per il rinnovato trofeo da Milano nel 1987.

La dedica è per Alberto Bucci, a cui avevo promesso questa coppa, e ai tifosi che sono il vero cuore della Virtus” le parole del patron Massimo Zanetti a Bologna Basket: “Resteremo e faremo la Virtus sempre più forte. Per l’anno prossimo vediamo Djordjevic come deciderà di fare la squadra: lui è stato fondamentale, la squadra ha vinto perché c’è lui. E arriveremo alla finale tra Milano e Bologna”.

Sono molto orgoglioso di essere qui con il trofeo vinto e sono riconoscente per l’opportunità che ho ricevuto, con il mio staff che lavora duramente” le parole invece a caldo del coach serbo dopo il match: “e con i giocatori, dato che è successo tutto grazie a loro. Non so se si può scegliere la partita perfetta, ma si può scegliere il modo perfetto per giocare queste due partite importantissime, abbiamo dimostrato come si deve giocare per vincere un trofeo”.

Il trofeo è molto importante, per la città di Bologna, per il futuro ma anche per il presente” continua Djordjevic, “credo che tutti noi dovremo camminare a testa alta e con tanto orgoglio”. “È una sensazione magnifica, abbiamo lottato duramente, io e i ragazzi nello spogliatoio” commenta invece Kevin Punter, MVP delle Final Four: “Abbiamo lavorato tantissimo in palestra,  sono semplicemente senza parole. Ero emozionato prima della partita, pensavo a quanto duramente avevamo lavorato per arrivare a quel punto. Abbiamo giocato e vinto, è un qualcosa di speciale”.