Troppo forte il Lokomotiv per Reggio Emilia: Gara 1 al Kuban

La Grissin Bon lotta alla pari per 15’, poi esce fuori la potenza degli imbattuti russi.
20.03.2018 19:25 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:   articolo letto 224 volte
Troppo forte il Lokomotiv per Reggio Emilia: Gara 1 al Kuban

Una combattiva Reggio Emilia esce sconfitta dal parquet dell’imbattuto Lokomotiv Kuban in Gara 1 della semifinale di Eurocup: in Russia finisce 82-65.

Priva di Amedeo Della Valle, rimasto a Reggio per recuperare da un problema alla schiena, la Grissin Bon a Krasnodar lotta punto a punto per i primi 15’: a decidere il primo episodio della serie è un parziale russo di 19-2 a cavallo dall’intervallo: da quel momento la squadra di Menetti riesce più volte a riavvicinarsi, ma non riesce mai a scendere sotto la doppia cifra di svantaggio.

Gara 2, in programma venerdì sera al PalaBigi, diventa quindi da ‘dentro o fuori’ per Reggio Emilia, per continuare a inseguire il sogno finale: i migliori del primo episodio della serie sono Chris Wright (14) e Jalen Reynolds (13+9)

Per il Lokomotiv, che mantiene il suo record perfetto (19-0) in questa Eurocup, spicca la prova di Qvale (top scorer del match con 16 punti), bene anche gli “ex italiani” Elegar (11+9) e Collins (10, 5 rimbalzi e 6 assist).

Reggio parte subito forte sul 5-0 con una tripla di Markoishvili, ma i russi reagiscono e rispondono con un 8-0 di parziale che vale loro il primo vantaggio in doppia cifra dell’incontro al 9’ (19-9). La Grissin Bon però chiude i primi 10’ con un 6-0 propiziato dai due Wright, ed è 19-15 alla prima pausa. Reggio pareggia due volte in avvio di secondo quarto con Reynolds, ma il Lokomotiv si mantiene avanti e lentamente prende il largo, chiudendo il primo tempo con un parziale di 16-2 che vale il +15 all’intervallo lungo.

Al rientro dagli spogliatoi, la Reggiana si riporta a -12 obbligando Obradovic al timeout: la risposta russa è veemente, con il Lokomotiv che arriva sul +18 e riesce a controllare i vari tentativi di rimonta della squadra di Menetti, che però riesce a contenere lo svantaggio (-12 dopo 30’). L’ultimo quarto segue il leitmotiv dei precedenti 10’, e la partita scivola via verso la conclusione.

Lokomotiv Kuban: Collins 10, Antipov 8, Ragland 9, Baburin, Lacey 4, Ivlev NE, Ilnitskiy 4, Khvostov, Elegar 11, Babb 11, Kulagin 9, Qvale 16. Coach: Sasa Obradovic.

Reggio Emilia: Mussini NE, J. Wright 7, Bonacini, Candi 2, White 6, Reynolds 13, Markoishvili 3, C. Wright 14, Cervi 4, Nevels 10, Llompart, De Vico 5. Coach: Max Menetti.

Parziali quarti: 19-15; 24-13; 20-23; 19-14.