Animo Sergio!!! Il dispiacere per l'infortunio di Llull

Bruttissimo infortunio occorso a Sergio Llull.
 di Simone Mazzola Twitter:   articolo letto 473 volte
Animo Sergio!!! Il dispiacere per l'infortunio di Llull

Quando sei al massimo rendimento della tua carriera, quando non solo vieni insignito con il premio di MVP d’Eurolega, ma sei evidentemente testa e spalle sopra tutti gli altri campioni che militano nel miglior campionato europeo, dover fronteggiare un bruttissimo infortunio non è semplice. Posto che non è mai una passeggiata di salute trovarsi davanti a un serio problema al ginocchio (rottura del crociato anteriore del ginocchio destro) che non solo ti farà saltare gli Europei alle porte e probabilmente anche quasi tutta la prossima stagione, il difficile da superare è ciò che lascia dentro, quell’insicurezza di dire: “E se mi risuccede?” e il non essere più totalmente cieco nella fiducia verso il proprio corpo.

Più che l’infortunio e la riabilitazione in se stessa, che potrebbe anche portare molti insegnamenti introspettivi, per Sergio Llull la cosa più importante da fare sarà ritrovare la fiducia nel proprio gioco fatto di agonismo, di voglia, di spinta sempre al 100% e di una classe mista ad attributi e voglia di vincere che nel vecchio continente non passano molto spesso. E’ un giocatore di cui è impossibile non innamorarsi e contemplarlo anche quando gioca da avversario.
La sua assenza affliggerà pesantemente in primis la Spagna di Sergio Scariolo per il prossimo europeo e poi la stagione del Real Madrid che sentirà ancor più l’assenza del proprio leader. Sostituire un giocatore come lui è pressochè impossibile, ma la varietà di soluzioni a disposizione delle furie rosse fa pensare che di certo mancherà, ma l’obiettivo finale potrà essere raggiunto ugualmente, anche se con più fatica.

Il Real Madrid subirà un contraccolpo tecnico perdendo il proprio leader, ma soprattutto la propria anima, il cuore pulsante e il closer che tutti gli allenatori vorrebbero avere. Questo spalanca le porte a Luka Doncic che alla sua “veneranda” età potrebbe prendere in mano i blancos per tentare di portarli alla terra promessa. Sarebbe un ottimo investimento per il futuro se il Real non sapesse già che al prossimo draft dovrà salutare lo sloveno e la sua maturazione verrà completata altrove.
Gli infortuni fanno parte del gioco, ma quando colpiscono determinati giocatori che interpretano il gioco “in the right way” è sempre più difficile accettarlo. Due fuoriclasse come Llull e Gallinari salteranno gli Europei, ma il sentimento che si nutre non può fisologicamente essere lo stesso.