Pitino, debutto da sogno: CSKA ko! Storico Fenerbahce con Datome

Le altre partite dell’ultimo turno d’andata di Eurolega.
28.12.2018 23:01 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:    Vedi letture
Pitino, debutto da sogno: CSKA ko! Storico Fenerbahce con Datome

Panathinaikos Atene - CSKA Mosca 96-84
Non poteva esserci debutto migliore per Rick Pitino sulla panchina del Panathinaikos: dopo neanche 48 ore, l’Hall of Famer guida i greens a un successo fondamentale sul CSKA, al terzo ko nelle ultime cinque partite dopo aver vinto le prime 8. I russi partono forte nel primo quarto, toccando anche il +7, ma i padroni di casa fanno ribollire gli oltre 15000 spettatori accorsi a OAKA con un parziale di 11-0 nel finale di primo tempo che vale il +11 all’intervallo (36 punti nel secondo quarto per i greci). Nella ripresa il CSKA prova a riaprirla riportandosi a -2 a 7’ dalla fine, ma il Panathinaikos porta a casa la vittoria numero sette in stagione con una grande prova di squadra.
Panathinaikos: Papapetrou 17, Calathes 14 (10 assist), Lasme 13 (9 rimbalzi)
CSKA: Clyburn 24 (10 rimbalzi), De Colo 17, Higgins 12, Hackett 5 in 23’

Fenerbahce Istanbul - Real Madrid 65-63
Vittoria storica per il Fenerbahce di Obradovic, che firma il successo consecutivo numero 11 in Eurolega (già record del nuovo formato) ma soprattutto chiude il girone d’andata in cima alla classifica, in fuga sul Real crollato sul filo di lana a Istanbul. La riedizione della finale 2018 parla turco per tutto il primo tempo, con il Fener che tocca anche il +12 in avvio di secondo quarto, ma nella ripresa diventa un duello equilibrato da Final Four, e una svolta sembra arrivare con un parziale a metà ultimo quarto di 9-0 chiuso da Campazzo, che firma il +6 madrileno a 2’43” dal termine. Il canestro dell’argentino, però, è l’ultimo della partita degli spagnoli: il Fener reagisce con un 8-0 su cui spicca la firma di Gigi Datome. Il capitano azzurro, infatti, decide la partita con un gioco da tre punti a 6” dal termine, decisivo per il successo dei padroni di casa.
Fenerbahce: Datome 17, Vesely 13, Guduric 11
Real: Fernandez 12, Carroll, Randolph 11

Bayern Monaco - Buducnost Podgorica 93-88
Capodanno in piena zona playoff per il Bayern Monaco, che chiude il girone d’andata con un sorprendente settimo posto confermandosi implacabile con le squadre con cui paga un divario in classifica. Non fa eccezione il Buducnost, che pure conduce per larghi tratti in terra bavarese (anche +17 a metà secondo quarto) spinto dall’ottimo debutto di Norris Cole (27 punti per l’ex Avellino). I padroni di casa recuperano il divario nel terzo quarto, e completano la rimonta negli ultimi 10’: importante, come di consueto, l’apporto di Derrick Williams (il migliore dei suoi con 21 punti e 4/6 da 3).
Bayern: Williams 21, Hobbs 14, Barthel 12
Buducnost: Cole 27, Bitadze 17, Gordic 10

Herbalife Gran Canaria - Zalgiris Kaunas 73-66
Chiude bene il suo 2018 Gran Canaria, che fermando lo Zalgiris rende ancora più avvincente la lotta playoff: l’ottavo posto, per la matricola canarina, dista adesso solo un successo. Contro la squadra di Jasikevicius, in una partita condotta dai padroni di casa per pressoché tutti i 40’, è decisiva una gran difesa nel primo tempo (solo 26 punti concessi), chiuso con un parziale di 14-2 decisivo per gli equilibri del match: lo Zalgiris riuscirà a ricucire fino al -3 a 2’ dalla fine (dopo essere finito sotto anche di 17 punti a metà terzo quarto), ma non è sufficiente per staccare in classifica Milano, Baskonia e Panathinaikos.
Gran Canaria: Rabaseda 15, Calvin 12, Oliver 10
Zalgiris: Milaknis 13, Davies 11 (9 rimbalzi), Walton 11

Nelle altre partite di ieri successo importante del Baskonia, che aggancia la zona playoff imponendosi sul campo del Khimki (85-77, Shields 15; Mickey 19) imponendosi con un gran ultimo quarto; gran prova di forza del Barcellona, che dopo aver subito 50 punti nel primo tempo limita l’Efes a soli 15 punti nella ripresa conquistando l’ottava vittoria stagionale (80-65, Oriola 14; Motum 13). Si ferma, infine, la striscia di 12 ko consecutivi del Darussafaka che a sorpresa batte l'Olympiacos, nel giorno del ritorno da avversario di David Blatt (79-75, Douglas 19+9 assist; Strelnieks 15).