Guarda chi si rivede: All Star (e non solo) tornati dagli infortuni

Irving, Siakam e gli altri: a vacanze finite, diverse pedine fondamentali sono tornate in NBA: vediamo come sono andate ieri notte
13.01.2020 20:14 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
Guarda chi si rivede: All Star (e non solo) tornati dagli infortuni

A Brooklyn non vedevano l’ora di riabbracciarlo e di sfruttare le sue qualità in campo: Irving ha risposto presente, giocando una partita al limite della perfezione contro gli Hawks. Partito titolare in quintetto al fianco di Spencer Dinwiddie, l’ex Celtics in soli 20 minuti di gioco ha chiuso con 21 punti a referto, raccolti con un (quasi) perfetto 10/11 al tiro - 90.9%, miglior percentuale in carriera in un singolo match. Una prestazione indispensabile per scavare un solco sin dalla palla a due e vincere comodamente una partita mai in discussione, che ha visto i Nets flirtare con il +40 in diverse fasi della partita. 

I Raptors hanno combattuto per tutto l'anno contro gli infortuni, riuscendo comunque a mantenere un buon rendimento di squadra, prima di perdere colpi recentemente. Contro gli Spurs, sono tornati Norman Powell e sopratutto Pascal Siakam: partenza da titolare e super impatto sul match, autore di 20 punti con 8/14 dal campo, 4/7 dalla lunga distanza e 4 assist in 31 minuti di gioco per il primo, mentre il miglior giocatore dei Raptors in questa prima metà di stagione è tornato finalmente a disposizione dopo quasi un mese, con 30 minuti sul parquet partendo titolare nella sconfitta in volata contro gli Spurs, chiusi con 15 punti, 6/17 al tiro e un bel po’ di ruggine addosso ancora da togliere. 

La contusione alla spalla che ha costretto D'Angelo Russell a restare fuori nelle ultime sei partite è soltanto l’ultimo di una lista di infortuni subiti dagli Warriors in questa regular season maledetta. Il ritorno in campo dell’ex giocatore dei Nets è stato - a livello personale - eccellente, autore di 34 punti in 35 minuti di gioco, chiusi con 12/24 dal campo, 5 triple, 7 rimbalzi e 4 assist. Tantissima roba, ma non abbastanza per evitare il crollo che nel secondo tempo ha regalato il successo a Memphis. 

Doppio rientro anche per i Wizards: nel prime time europeo, con la sconfitta contro i carichissimi Jazz, sono rientrati Bradley Beal e Thomas Bryant. Il n°3 sul parquet che ha chiuso con 25 punti a referto, tirando altrettante volte dal campo e non trovando mai il fondo della retina da lontano (0/7). Difetti di mira, per un giocatore che vorrà certamente ritornare il prima possibile al solito livello di rendimento da All-Star, mentre sono 8 punti in 15 minuti in uscita dalla panchina per il secondo, assente nelle ultime 20 partite a causa di un infortunio al piede.