Nunnally era squalificato: l'Olimpia perde 20-0 a tavolino a Pistoia

Il problema scoppiato al termine della partita del PalaCarrara
05.02.2019 14:01 di Fabio Cavagnera Twitter:    Vedi letture
Nunnally era squalificato: l'Olimpia perde 20-0 a tavolino a Pistoia

James Nunnally era squalificato e non poteva giocare a Pistoia, così è stato comminato il risultato di 20-0 a tavolino a favore dei toscani, con conseguente sconfitta dell’Olimpia Milano. Questa la decisione del Giudice Sportivo sul caso scoppiato nella mattinata di oggi, dopo il netto successo dei tricolori ieri sera al PalaCarrara, in merito alla posizione dell’ultimo acquisto dei biancorossi. Dunque, i due punti in classifica vanno alla formazione toscana (molto importanti in chiave lotta salvezza), mentre l’AX resta a quota 30 ed a +4 su Venezia. Non cambia molto per gli obiettivi, resta ovviamente un errore piuttosto grave, per una società come quella milanese.

Ma cosa è successo? E’ riemersa una squalifica comminata all’americano, quando vestiva la maglia di Avellino, mai scontata perché poi andato al Fenerbahce ed in NBA. Il fatto risale al 30 novembre 2016, quando il Tribunale Federale (con sei mesi di ritardo), aveva comminato lo stop di una giornata per dei tweet polemici contro gli arbitri, dopo gara 2 della semifinale playoff con Reggio Emilia del maggio precedente. Nel frattempo, come dicevamo, l’americano era già in Turchia e poi oltreoceano e quella squalifica è caduta nel dimenticatoio.

Fino a ieri, perché quel turno di stop è rimasto attivo (la prescrizione di due anni vale solo prima della squalifica), alla prima partita giocata nuovamente in una competizione italiana da Nunnally. Appunto quella del PalaCarrara, essendo l’americano stato tesserato il 31 gennaio e non essendoci altre gare di campionato nel frattempo. Ma in casa Olimpia non se ne sono evidentemente accorti ed il neo acquisto è sceso in campo, chiudendo il match con 9 punti e un rimbalzo in 24 minuti. Pistoia ha presentato in mattinata istanza (considerata inammissibile perché non conforme alla procedura) e la Fip ha effettuato i vari controlli, per poi sentenziare il 20-0 a tavolino.

LA CLASSIFICA AGGIORNATA: Milano 30; Venezia 26; Avellino, Cremona, Brindisi 22; Varese, Bologna 20; Sassari, Trieste 18; Cantù, Trento, Brescia 16; Pesaro 12; Torino, Reggio Emilia, Pistoia 10.