Gazzetta: Aradori, sfogo dopo il taglio "vi ho tutti nel mirino"

La rassegna stampa di Martedì 20 Agosto
20.08.2019 10:51 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
Gazzetta: Aradori, sfogo dopo il taglio "vi ho tutti nel mirino"

Domina sui principali quotidiani sportivi la questione Aradori, escluso dalla nazionale e decisamente non felice di ciò, come riporta la Gazzetta dello Sport:
"Parole di fuoco. L'esclusione dall'avventura mondiale non è andata giù a Pietro Aradori, 154 presenze in azzurro, ma scaricato dal ct. Meo Sacchetti per scelta tecnica. Il neo fortitudino voleva lasciare subito il ritiro di Atene, poi un colloquio con il presidente federale Gianni Petrucci lo aveva indotto a rimanere accanto ai compagni per tutto il torneo dell'Acropoli. Rientrato in Italia, però, il giocatore si è sfogato via social: «Si cade, provano a farci cadere, si è abituati. L'importante è non rimanere a terra. Voi che avete provato a fare i furbi alle mie spalle, vi ho tutti nel mirino. Arriverò, non dimentico: è una promessa. Nel frattempo forza ragazzi, gli Azzurri, i miei amici. Vi voglio bene come fratelli». L'esterno è stato tagliato alla vigilia della partita contro la Serbia e il ct. azzurro ha giustificato così la propria decisione: «In quel ruolo riteniamo di essere coperti». Luce verde dunque per Marco Belinelli e Amedeo Della Valle, protagonista delle qualificazioni al Mondiale come peraltro Aradori, scaricato pure dalla Virtus Bologna di cui era capitano. Non certo un periodo da ricordare per l'azzurro che però ha appena firmato un quadriennale con la Fortitudo, sempre sotto le Due Torri."

Intanto, l'estate sta finendo, e sul Corriere Dello Sport, si parla del raduno dell'Olimpia Milano. "Si riparte da Sergio Rodri-Sguez, punta di diamante della nuova Armani e forse molto di più. La sua presentazione ufficiale, oggi, è l'ideale start alla stagione di chi mette nel mirino una supremazia in campionato. La grande responsabilità è stata consegnata anche a coach Messina, arrivato a Milano per prendere il posto di Pianigiani dopo 5 anni nella NBA a San Antonio. Un parallelo con quanto successo in Nazionale nel 2015, mentre Messina a Milano diventa in pratica un plenipotenziario. Presente e futuro in mano al coach dei due mondi - esattamente come il suo assistente Bialaszewski, qui dopo un triennio in Australia e alla prima esperienza europea -un Rodriguez in squadra non fa altro che lucidare le ambizioni dell'Olimpia. «Siamo grati di questa grande opportunità di vivere una nuova esperienza», ha detto lo spagnolo anche a nome della famiglia che lo segue a Milano."