La Fortitudo lotta, ma Sassari si regala la nona sinfonia italiana

I sardi soffrono per avere la meglio dell’ostinata resistenza felsinea, prendendo il largo solo nel terzo quarto: decide Stefano Gentile.
15.12.2019 13:51 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:    Vedi letture
La Fortitudo lotta, ma Sassari si regala la nona sinfonia italiana

Nono successo in campionato per il Banco di Sardegna Sassari, che nell’anticipo di mezzogiorno vince (per 86-80) la resistenza della Pompea Fortitudo Bologna e ‘blinda’ la qualificazione alle Final Eight di Coppa Italia, non ancora matematica. Per i sardi è il terzo successo consecutivo in campionato, per un secondo posto rafforzato in attesa dell’impegno di Milano oggi pomeriggio a Venezia; per la squadra di Martino, invece, la conferma di una competitività esistente anche lontano dal Paladozza, a dispetto del record (2-4) in trasferta. Nei padroni di casa brillano in particolare Michele Vitali (16 e 6 rimbalzi con un solo errore al tiro) e Miro Bilan (16 anche per lui), con anche Evans (13) e Stefano Gentile (15 con 5/5 al tiro, compresa la tripla della staffa) in doppia cifra; per la Fortitudo, bene Aradori (20), Sims (17+9) e Robertson (15).

Parte decisamente meglio la Effe, pressoché sempre avanti nel punteggio in un primo tempo dove tocca anche il +9 nei primi 10’ e il +12 nel secondo quarto, con la Dinamo sempre costretta a inseguire. La svolta arriva nel terzo quarto: prima col sorpasso di Evans sul 44-43, poi con la reazione alla tripla di Aradori: un parziale di 22-8 che vale alla squadra di Pozzecco il primo vantaggio in doppia cifra del match. Bologna prova a riaprirla riportandosi a -5 con 6’ da giocare, ma Sassari sembra chiuderla quando i liberi commiati per il secondo tecnico fischiato ad Antimo Martino riportano il Banco di Sardegna sul +12 con poco più di 3’ da giocare. Aradori e Robertson riportano la Fortitudo a due possessi di distanza, ma Gentile firma la sua terza tripla di giornata per blindare il successo dei padroni di casa.