Teodosic, Banks, Dyson&Jefferson: un weekend di grandi prove in A

Tante performance sopra le righe nel fine settimana di campionato, a partire dall’atteso debutto del serbo in maglia Virtus Bologna.
07.10.2019 13:46 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:    Vedi letture
Teodosic, Banks, Dyson&Jefferson: un weekend di grandi prove in A

Un weekend di grandi prestazioni, nella terza giornata di Serie A: con sole due squadre a punteggio pieno dopo tre giornate, sui campi di tutta Italia si è visto tanto spettacolo e alcune performance elettrizzanti da parte di giocatori molto attesi.

Partendo dagli anticipi, splendida prova per la Happy Casa Brindisi di capitan Adrian Banks: nel successo contro Brescia (primo ko stagionale per la Germani) l’americano ha firmato 31 punti, con 5/7 da 3, 6 assist e 11 falli subiti, letteralmente trascinando i suoi che hanno potuto godere della prima prova positiva di Darius Thompson (18 con 3/4 da 3 per l’ex Leiden). Rimanendo agli anticipi, impossibile non fare una menzione per il super canestro con cui Curtis Jerrells ha regalato la terza vittoria consecutiva (cinque contando anche la Supercoppa) a Sassari, anche se la tripla della vittoria contro Trento è stato solo il secondo canestro del match per l’ex Milano.

Canestro vincente anche per Jerome Dyson, che ha regalato alla Virtus Roma la prima vittoria stagionale con la tripla del +3 (a 7” dalla fine) contro la Vanoli Cremona. Per l’ex Sassari 25 punti e 6/10 da 3, oltre a un grande impatto nel suo debutto stagionale con i capitolini. A dargli man forte, oltre ai 20 di Buford, è stato l’ex Cantù Davon Jefferson: 17 punti, 8 rimbalzi e 7/7 dal campo. Passerà da questo duo la speranza salvezza di una Roma che deve risolvere il caso Moore (solo 8’ ieri per un giocatore già in discussione) e l’inconsistenza di Farley, ieri nemmeno entrato in campo dopo 10’ impalpabili tra Bologna e Brindisi.

Last ma sicuramente non least, il debutto in maglia Virtus Bologna di Milos Teodosic, cruciale nel successo in rimonta dei felsinei contro una Reyer Venezia ancora nel pieno di un avvio lento di stagione. Il serbo ha elettrizzato il Paladozza, firmando 22 punti (4/6 da 3 e 7/9 dal campo) e 7 assist in soli 21’ di gioco, regalando (insieme a Hunter e Weems) una notte magica ai tifosi della squadra bianconera, ora capolista insieme a Sassari. Il miglior modo, inoltre, per chiudere una giornata spettacolare di campionato: sperando che sia la prima di una lunga serie.