Trento e Trieste, gioia esterna! Tanto equilibrio tra Natale e... Firenze

Il punto sulla giornata di A, con uno sguardo alla corsa per le Final Eight di Coppa Italia.
24.12.2018 17:15 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:    Vedi letture
Trento e Trieste, gioia esterna! Tanto equilibrio tra Natale e... Firenze

Il primo atto della trilogia di Serie A per chiudere l’anno solare 2018 ha regalato due prime volte stagionali: i primi successi lontano dai parquet amici di Trieste e Trento, che un po’ rimescolano le carte nella corsa alle Final Eight di Firenze. La matricola giuliana adesso è al 6° posto in classifica, e anche se il calendario non è dei più semplici (Santo Stefano a Venezia prima di chiudere l’andata ospitando Milano) la squadra di Dalmasson è in un ottimo momento e la Coppa Italia è un obiettivo concreto ormai dopo il successo sul campo di una Reggio Emilia che stenta a ripartire dopo la rivoluzione di mercato ed è uscita dal campo tra i fischi del PalaBigi.

I vice campioni d’Italia, invece, hanno inflitto la seconda sconfitta casalinga consecutiva a una Pesaro che dopo la pausa sembra aver smarrito quella vena positiva avuta a novembre, e hanno mosso decisamente la propria classifica: prima del rematch dell’ultima finale scudetto previsto per l’Epifania, le prossime sfide contro Pistoia e Bologna diranno molto delle reali chances della squadra di Buscaglia di rientrare in corsa per la kermesse di Firenze.

Coppa Italia di cui è sicura Venezia, dopo il successo a Desio contro Cantù, e che sembra molto vicina per Cremona e Varese, nonostante le sconfitte nei derby lombardi contro Brescia e Milano: per entrambe ci sarà subito l’occasione di rifarsi tra un altro derby (per la squadra di Caja domani contro Cantù) e un tuffo nel passato (impegno a Brindisi per l’ex Sacchetti e la sua Vanoli). Discorso diverso per Avellino, pur rinfrancata dal successo su Sassari: al mercato bloccato e alla settimana difficile a livello dirigenziale si potrebbe aggiungere l’emergenza infortunati, viste le 4 settimane di stop per Ndiaye, un Costello volato negli USA per accertamenti e un Young uscito un po’ dolorante dopo l’anticipo di ieri. In chiave Coppa sarà fondamentale il posticipo di Santo Stefano sul campo di Torino, che dopo la rimonta su Pistoia vuole dimostrare di essere definitivamente tornata in corsa per conquistare quelle Final Eight di cui è detentrice.