Torino riparte da Dinamo e A2. Petrucci: “Sardara dirigente illuminato”

Presentata oggi la Reale Mutua Torino, squadra che disputerà il prossimo campionato di A2 con il titolo della Dinamo Academy (già Cagliari).
31.05.2019 14:07 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:    Vedi letture
Torino riparte da Dinamo e A2. Petrucci: “Sardara dirigente illuminato”

Dopo la fine, la rinascita. Il basket di alto livello continuerà a far parte della città di Torino, sotto forma stavolta nuova Reale Mutua Torino, la squadra trasferitasi dalla Sardegna (e da Cagliari) con il titolo della Dinamo Academy di Serie A2. Un’operazione fortemente voluta dal presidente del Banco di Sardegna Sassari Stefano Sardara, in joint-venture con gli imprenditori della cordata “Una Mole di Basket” che già avevano provato a salvare il titolo della Auxilium, mestamente retrocessa in A2. Sardara ha illustrato il progetto nel corso di una conferenza stampa questa mattina, alla presenza anche delle autorità cittadine (su tutti il Sindaco Chiara Appendino) e del presidente FIP Gianni Petrucci.

La Fip plaude questa iniziativa che permette di realizzare un doppio obiettivo: riportare Torino a disputare un campionato nazionale importante e non far perdere alla città il suo grande patrimonio sportivo-culturale legato al basket, da sempre coltivato con impegno e passione” ha dichiarato Petrucci: “Sono contento che questo investimento lo abbia fatto Stefano Sardara, uno dei dirigenti più illuminati che abbia incontrato nel mondo del basket, che oltre che a dedicarsi in maniera eccellente alla sua Dinamo, pensa anche ad altre realtà, come fatto prima a Cagliari e ora a Torino”.

Grande soddisfazione anche da parte del Sindaco Appendino: “Nella nostra Città la pallacanestro è fatta di storia e passione, di lunga tradizione e di grande seguito. Dai campionati minibasket ai tornei amatoriali dove la voglia di giocare conta di più dell’età, sono tantissimi a praticarla in palazzetti, palestre o all’aperto, sui playground. È un vero e proprio rapporto di amore quello che lega Torino allo sport della palla a spicchi, che” aggiunge la prima cittadina ”per gli sportivi diventa orgoglio e passione quando si accendono le sfide con le altre squadre nei massimi campionati. Per non deludere le loro attese, l’Amministrazione Comunale, dopo le vicende societarie che hanno causato l’estromissione di Torino dalla massima serie, ha accolto con grande favore e ha deciso di assicurare il massimo sostegno al progetto di Stefano Sardara, delle realtà cestistiche del territorio e di Reale Mutua, ai quali va il ringraziamento di tutta la Città. Un progetto” ricorda Appendino “che consentirà alla Torino della pallacanestro di giocare nel campionato di serie A2 maschile e, di conseguenza, di permanere in uno dei campionati di vertice del basket italiano”.

Quello della Reale Mutua Torino è un progetto triennale che ha come obiettivo il ritorno di Torino in Serie A (ma gradualmente), come sottolineato dal presidente della Dinamo Sassari Stefano Sardara: “Per noi questa è una nuova sfida, molto entusiasmante e piuttosto elettrizzante. Siamo fieri di poterla fare a Torino, città appassionata di basket e in cui abbiamo dei legami forti come quello con Reale Mutua. Siamo certi che la risposta del territorio sarà positiva, sia in termini di rete di sostegno sia in relazione alla tifoseria. Da parte nostra il massimo impegno per dare subito gambe a questo progetto e per consegnarlo nelle mani di Torino al termine del prossimo triennio”.