Sollievo per Curry, è 'solo' uno stiramento: i tempi di recupero

Infortunio muscolare per la stella di Golden State
09.11.2018 16:19 di Paolo Terrasi Twitter:   articolo letto 329 volte
Sollievo per Curry, è 'solo' uno stiramento: i tempi di recupero

Nella sua folgorante carriera, Steph Curry si è ritrovato ad essere costantemente martoriato dagli infortuni alle caviglie, vero e proprio tallone d'achille per il due volte MVP.  Tuttavia, durante il terzo quarto della gara persa (clamorosamente per il divario) contro i Milwaukee Bucks, il numero 30 ha accusato dolore alla coscia sinistra, uscendo dal campo ed andando direttamente negli spogliatoi. Il primo responso era una lesione all'adduttore sinistro. Un'altra tegola per i Golden State Warriors, che in infermeria hanno già Draymond Green (problema all'alluce) e Shaun Livingston (dolori al piede).

Per quanto un po' preoccupati dalla novità dell'infortunio, compagni e staff sono apparsi molto tranquilli: "Sinceramente non sono nervoso. Non ho precedenti su cui basarmi: fosse stata la caviglia, avrei potuto fare una stima. Onestamente non era successo prima" le parole di Steve Kerr, a cui fa eco Kevin Durant ("Sembrava stare bene, vediamo dopo le analisi e speriamo vada tutto per il meglio").

La stella dei campioni NBA, qualche ora dopo, ha effettuato la risonanza magnetica ed i Warriors hanno fatto sapere si tratta di uno stiramento all'inguine sinistro "da leggero a moderato", facendo inoltre sapere che non giocherà la prossima partita contro i Brooklyn Nets. Un sospiro di sollievo, tirato anche da coach Steve Kerr, appena conosciuto il responso: “La risonanza è incoraggiante, non è nulla di troppo serio: poteva decisamente andare peggio”. Secondo le prime indiscrezioni, potrebbe tornare tra circa una decina di giorni. Ma non ci sarà alcuna fretta.